logo san paolo
lunedì 18 ottobre 2021
 
dossier
 

I leader religiosi ad Assisi: «La sete di pace si colma col dialogo»

18/09/2016  Ad Assisi alla presenza del Capo dello Stato Mattarella l’apertura ufficiale del meeting interreligioso per la pace a trent’anni da quello profetico convocato da Giovanni Paolo II. I leader religiosi, dal patriarca di Costantinopoli Bartolomeo al rabbino di Israele al consigliere del Gran Muftì del Libano Sammak, concordi: «Se abbiamo sete di pace non c’è altra via che capovolgere la norma del mondo: violenza e ingiustizia»

«Un mondo chiuso imprigiona i credenti in antiche logiche conflittuali, in nuovi fanatismi e nazionalismi, nell’incontro invece c’è una liberazione da tutto questo». Il professor Andrea Riccardi, fondatore della Comunità di Sant’Egidio, apre i lavori del convegno di Assisi ricordando l’intuizione di Giovanni Paolo II: «Non fu follia, ma profezia». In questi trent’anni lo "spirito di Assisi" ha camminato e ha “affratellato”. Riccardi lo ha definito “l’intelligenza della coabitazione”, ma dopo tanti anni non si può dire che l’impresa sia compiuta e all’apertura del convegno, che verrà chiuso martedì da una grande preghiera corale alla presenza anche di papa Francesco, lo hanno spiegato bene tutti coloro che sono intervenuti.

Eppure ad esso non c’è alternativa. Lo ha ripetuto il Patriarca ecumenico di Costantinopoli Bartolomeo I: «Nessuno è così ingenuo da pretendere che il dialogo avvenga  senza rischio e senza costi. Non c’è mai certezza sui risultati finali. Eppure se abbiamo veramente sete di pace non c’è altra via che capovolgere la norma del mondo, il ciclo di violenza e ingiustizia». E lo ha sottolineato anche il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che ha assistito all’apertura dei lavori: «Il dialogo può molto più di quanto si pensi». Mattarella ha consegnato al Patriarca di Costantinopoli l’onorificenza di Cavaliere di Gran Croce della Repubblica italiana.

Sul legame tra il dialogo e la libertà religiosa ha parlato Mohamad Sammak, consigliere politico del Gran Muftì del Libano. Sammak ha definito Bergoglio «leader spirituale di tutta l’umanità» perché ha spiegato con chiarezza che «non esistono religioni criminali, ma criminali in tutte le religioni». Sammak ha denunciato anche il «dirottamento» dell’Islam da parte dei fondamentalisti dell’Isis e ha assicurato che su questo l’Islam sta riflettendo a fondo. Stessa posizione del rabbino di Israele Avraham Steinberg, che ha denunciato le «vergognose atrocità compiute da una minoranza di fondamentalisti islamici».
All’apertura dei lavori è intervenuto anche il vescovo di Rouen, monsignor Dominique Lebrun, per ricordare la figura di padre Jacques Hamel, ucciso da due fondamentalisti islamici: «Il Papa ha detto che è beato e molti mi incitano a chiedere la dispensa dei cinque anni prevista dalla Chiesa. Ma io chiedo la grazia che il riconoscimento del martirio non sia una bandiera innalzata per una nuova crociata, per combattere e condannare».

Ritenere che esista un’alternativa al dialogo «è un pensiero orribile», ha aggiunto infine il filosofo Zygmunt Bauman, chiamato dalla Comunità di Sant’Egidio a spiegare le nuove sfide del mondo globale e le sue paure.

Multimedia
Il Papa ad Assisi: le immagini più belle dell'incontro di preghiera per la pace
Correlati
I vostri commenti
14
scrivi

Stai visualizzando  dei 14 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 57,80 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%