logo san paolo
lunedì 20 settembre 2021
 
CALO DELLE NASCITE
 

L'associazione lavoratori anziani lancia il suo allarme: "Aiutiamo i giovani"

27/03/2021  Di fronte al calo sempre più preoccupante di nuove nascite in Italia il presidente dell'Anla Edoardo Patriarca parla di paura di molte giovani coppie e di troppi anni di scarsa attenzione alle famiglie. "Abbiamo un disperato bisogno di politiche di sostegno adeguato alle famiglie, un aiuto che faccia loro capire che non sono sole nella vita quotidiana al tempo del Covid. Lo Stato, la nostra grande famiglia italiana, deve prendersi cura dei suoi figli più fragili con politiche adeguate, con il coraggio di scelte economiche adeguate – guardiamo con favore a quanto oggi il presidente Draghi ha annunciato a proposito dell’assegno unico con maggiorazione per le persone differentemente abili, purché l’accesso al beneficio sia veramente prerogativa di chi ne ha diritto – e incentivi per le famiglie numerose.".

L'Associazione Nazionale Lavoratori Anziani Onlus, è costituita dai lavoratori anziani delle aziende italiane e da tutti coloro che hanno ancora voglia di contribuire a "costruire" la nostra società perché riconoscono nel lavoro, nella professionalità, nell’esperienza un valore. Vogliono così far sentire la loro voce per tutelare i diritti e la figura delle persone anziane, o meglio, dei "più avanti in età", perché sono convinti che nel dialogo fra le generazioni possono scaturire solo fattori positivi di progresso e crescita sociale.

Ci teniamo a segnalare l'importanza della dichiarazione del presidente nazionale di ANLA Edoardo Patriarca: «Il minimo storico di nascite dall’Unità d’Italia fatto segnare dal nostro Paese nel 2020 ci colpisce, ma in un certo senso purtroppo ce lo aspettavamo: è frutto della paura ma anche di troppi anni di scarsa attenzione alle famiglie».

Un commento amara alla dinamica demografica messa in evidenza dal report “La dinamica demografica durante la pandemia Covid-19 anno 2020” pubblicato da Istat.

Amarezza ancor di più accresciuta dal calo di circa un anno e mezzo della speranza di vita segnalato da Il Sole 24Ore e dall’ulteriore amplificazione che ha subito la tendenza al declino in atto dal 2015, tanto da far parlare l’Istat della scomparsa in un anno di una città grande come Firenze: «Abbiamo ancora nel cuore e nella mente il grandissimo tributo pagato dalle generazioni più anziane in questa pandemia, quasi decimate, e il grande dolore delle famiglie italiane».

È tuttavia forte il desiderio di guardare al futuro, e da subito: «Papa Francesco ci ha ricordato che da una crisi si esce o peggiori o migliori, mai uguali a prima. Come Associazione Nazionale Lavoratori Anziani ci stiamo battendo da anni ma ancor di più dall’inizio della pandemia per migliorare da subito il futuro del nostro Paese, nella consapevolezza che esso va preparato nell’oggi.  Abbiamo un disperato bisogno di politiche di sostegno adeguato alle famiglie, un aiuto che faccia loro capire che non sono sole nella vita quotidiana al tempo del Covid. Tante Associazioni come la nostra appartenenti al Terzo Settore stanno aiutando i nuclei familiari in difficoltà, ma non basta un intervento a macchia di leopardo: lo Stato, la nostra grande famiglia italiana, deve prendersi cura dei suoi figli più fragili con politiche adeguate, con il coraggio di scelte economiche adeguate – guardiamo con favore a quanto oggi il presidente Draghi ha annunciato a proposito dell’assegno unico con maggiorazione per le persone differentemente abili, purché l’accesso al beneficio sia veramente prerogativa di chi ne ha diritto – e incentivi per le famiglie numerose. Mettere al mondo figli non deve più essere considerato in Italia un lusso o un calcolo economico».

Il presidente Patriarca sottolinea come nella dimensione sociale non si possano fare “fughe in avanti” ma occorra crescere in maniera omogenea in tutti i settori: «nella nostra agenda, con cui vogliamo sensibilizzare il Paese per arrivare a risultati concreti, chiediamo di potenziare i servizi per l’infanzia, perché i nonni non vengano più considerati necessari in quanto “operatori familiari” costretti a supplire l’assenza dei genitori impegnati al lavoro, ma fondamentali in quanto espressione d’amore vero collante fra le generazioni. Chiediamo da subito un nuovo modello di welfare per le generazioni più anziane, anche ridisegnando la rete delle RSA in Italia con migliori finalità e qualità di vita: un nuovo modello che necessita da subito di una legge sull’invecchiamento attivo, per far sì che le energie ancora vitali e preziose per saggezza ed esperienza non vadano sprecate ma possano ancora contribuire alla costruzione del bene comune. Chiediamo da subito un’attenzione particolare ai caregiver familiari accompagnata da un adeguato intervento normativo. Viviamo in un paese bellissimo, che abbiamo contribuito a costruire con il lavoro di tante generazioni: possiamo farlo ripartire, ma tutto inizia dalla famiglia e da politiche adeguate che permettano di avere più figli».

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 0,00 - 11%
CREDERE
€ 88,40 € 57,80 - 35%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
FELTRO CREATIVO
€ 23,60 € 18,00 - 24%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
I LOVE ENGLISH JUNIOR
€ 69,00 € 49,90 - 28%