Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
venerdì 24 maggio 2024
 
 

Vicenza assume barellieri

28/04/2010  La locale Asl ha bisogno di 26 ausiliari per servizio socio-assistenziale.

L’Azienda sanitaria locale  di Vercelli assume a tempo indeterminato ben 26 ausiliari specializzati addetti ai servizi socio-assistenziali, soccorritori (categoria A)
 per il servizio emergenza territoriale 118 (vedi rubrica concorsi a lato).
Questa figura, istituita con il D.PR. 384/1990, opera sotto la diretta responsabilità dell’operatore professionale di prima categoria coordinatore (capo sala) o, in assenza
 di quest’ultimo, dell’infermiere responsabile del turno di lavoro.
 Comunemente è detta barelliere. Ecco i suoi compiti:
- svolge tutte le operazioni inerenti la pulizia degli ambienti e le operazioni elementari e di supporto necessarie al funzionamento del reparto:
- si occupa dello spostamento dei ricoverati, trasporto di medicine, referti, materiali, vitto, attrezzature, vestiario e biancheria;
- provvede ad areare, spazzare, lavare a spolverare le camere e le corsie di degenza, le sale operatorie, di trattamento terapeutico di qualsiasi tipo e livello, i servizi di degenza, le docce e i bagni, tutti gli ambienti di servizio, di accesso, le pertinenze e le scale, comunque facenti parte dell’unità operativa alla quale è addetto;
- provvede al trasporto dei degenti con i mezzi appropriati allo stato di salute ed alle condizioni di deambulazione oltre che all’assistenza di handicap o condizioni di debolezza, secondo le istruzioni ricevute;
- provvede alla raccolta, allontanamento e smaltimento del materiale sporco e dei rifiuti solidi e liquidi compresi quelli speciali;
- provvede all’accompagnamento dei degenti sia per motivi esclusivamente terapeutici quali medicazioni, analisi fuori reparto e simili che per motivi di assistenza in rapporti alle loro particolari condizioni di bisogno ovvero per sistemarli nei locali di riunione;
- esegue ogni altro compito richiesto dalle professionalità superiori che rientri nella sua competenza.
La formazione.
 I corsi di qualificazione degli ausiliari socio-assistenziali  sono organizzati a livello regionale da enti di formazione o Asl.
Gli organismi che istituiscono i corsi possono utilizzare le strutture delle scuole per infermieri professionali.
I corsi prevedono la frequenza obbligatoria e cominciano, in genere, ogni anno
a ottobre.
Per informarsi, rivolgersi alla Federazione dei Collegi Ipasvi, l’organismo che rappresenta gli infermieri italiani e coordina i Collegi provinciali.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo