logo san paolo
martedì 24 maggio 2022
 
 
Benessere

Avena, 9 cose da sapere sul "supercereale"

08/03/2017  Tollerato anche dai celiaci, consigliato specialmente ai diabetici, è un alimento ricco di proteine e fibre idrosolubili; favorisce il dimagrimento e fa bene alla pelle. Ecco tutti i motivi per consumarlo...

Per le mamme che allattano, per i bambini e gli sportivi, ma anche per celiaci e diabetici: l’avena, cereale ricco di proteine e di fibre solubili, è uno dei nutrienti migliori per fare il pieno di energie ed è una delle principali fonti di carboidrati complessi. Proprio per queste sue caratteristiche, è catalogata tra gli alimenti funzionali in quanto, pur rimanendo “semplice cibo”, si comporta un po’ come una “medicina”, perché aiuta a stare bene.

CON POTASSIO E ACIDO LINOLEICO

Tutte queste proprietà derivano dalla composizione dell’avena, che è un cereale bianco, a basso valore energetico, povero di calcio, ma con potassio e vitamine del gruppo B. I suoi lipidi (4,9 per cento) sono altamente insaturi (35 per cento di acido oleico e 39 per cento di linoleico). Inoltre, si tratta del cereale più ricco di proteine (ne contiene tra il 10 e il 16 per cento), in particolare lisina, un composto organico dalle alte capacità nutritive. Insomma, l’avena è davvero un alimento rinforzante e ricostituente per bambini e adolescenti, ma si rivela utile anche per gli anziani e i diabetici, dato che è uno dei cereali con meno zuccheri. A ciò vanno aggiunte le funzioni lassative (in quanto contiene una grande quantità di fibra) e di regolazione della motilità intestinale.

PROTEGGE ANCHE DAL TUMORE

  

La fibra presente nell’avena è formata da beta glucani – biopolimeri ampiamente diffusi in natura – che favoriscono un maggior controllo glicemico (prevenendo le fluttuazioni dopo aver mangiato), una riduzione dello stress ossidativo, un abbassamento del livello di colesterolo ematico, insieme a un’attività di protezione nei confronti delle malattie cronico degenerative, come il tumore al colon e allo stomaco
Ma questo cereale ha anche molecole chiamate tocoli (comunemente contemplate nel gruppo della vitamina E) che contrastano la sintesi del colesterolo, e acidi fenolici, da sempre conosciuti come potenti antiossidanti, che prevengono patologie cardiovascolari. Infine, numerosi studi scientifici hanno dimostrato le proprietà benefiche dell’avenatramide, in particolare quella C (sono polifenoli presenti nell’avena), per la bellezza e la salute della pelle, grazie alle loro proprietà lenitive, calmanti e anti invecchiamento. E per essere pronte alla primavera e preparare al meglio la nostra pelle al sole, non c’è nulla di meglio di consumare un bel piatto di avena!

NON SOLTANTO A COLAZIONE

►A colazione (fiocchi d’avena).
►Nella preparazione di primi piatti (tenuta a bagno per circa mezz’ora può essere cotta come il riso integrale).
►Come farina (in miscela degli altri cereali, può essere utilizzata come ingrediente nei prodotti da forno come pane e biscotti).
►Come latte d’avena.

PERCHÉ È BENE AVERLA NEL PIATTO

  

►Combatte la formazione di grassi nelle arterie.
►Abbassa i livelli di colesterolo.
►Promuove il dimagrimento, grazie alla fibra contenuta.
►È uno dei cereali più ricchi di fibra solubile.
►Fa bene alla pelle, grazie alla vitamina E e agli antiossidanti che contiene.
►Regolarizza la peristalsi intestinale, cioè combatte l’intestino pigro.
►Ha proprietà diuretiche e lassative.
►Svolge attività antinfiammatoria naturale.
►Produce un’azione anti-aging.

IL SEGRETO È NELLA CRUSCA

Questo cereale è composto in media dal tre per cento di embrione, dal 30 per cento di crusca e dal 57 per cento di amido. Nel riso, ad esempio, c’è invece oltre il 70 per cento di amido.

Scopri BenEssere, la rivista che pensa alla tua salute dell'anima

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo