logo san paolo
martedì 30 novembre 2021
 
 

Bagnasco: «Family Day, manifestazione condivisibile»

18/01/2016  Il presidente della Conferenza episcopale italiana interviene sulla manifestazione organizzata a Roma il 30 gennaio: «L’obiettivo è decisamente buono», dice. E sulla discussione in Parlamento della legge sulle unioni civili aggiunge: «È una grande distrazione rispetto ai veri problemi dell’Italia: creare posti di lavoro, dare sicurezza sociale, ristabilire il welfare»

Il Familiy Day è una “manifestazione condivisibile” con finalità “assolutamente necessarie”, ma è deve essere promossa dai “laici”. Così il cardinale Angelo Bagnasco, parlando a Genova, ha spiegato la partecipazione dei cattolici alla manifestazione prevista per il 30 gennaio a Roma e il no al disegno di legge Cirinnà sulle unioni civili. Bagnasco ha detto che  “nessun’altra istituzione deve assolutamente oscurare la realtà della famiglia con delle situazioni similari” perché questo “significa veramente compromettere il futuro dell’umano”. Secondo il presidente della Cei “nessun’altra forma di convivenza di nucleo familiare, pur rispettabile, può assolutamente oscurare o indebolire la centralità della famiglia, né sul piano sociologico, né sul piano educativo”: “La Chiesa conferma la propria profonda convinzione verso la famiglia come il grembo della vita umana” e “come la prima fondamentale scuola di vita, di umanità, di fede di virtù  civiche, umane e religiose.

Questa è l’esperienza universale che la Chiesa difende in ogni modo, per amore dell’uomo, della vita e dell’amore”.
In questa ottica, ha aggiunto il presidente della Cei, l’iniziativa del Family day, presa autonomamente dai laici cattolici, appare  “condivisibile” e dalle finalità “assolutamente necessarie”: “A promuoverla  sono dei laici, con la loro responsabilità, come il Concilio Vaticano II ricorda”, e il loro obiettivo “è decisamente buono perché la famiglia è il fondamento di tutta la società e non può essere uguagliata da nessun’altra istituzione o situazione”. Dunque, “la difesa della famiglia, la promozione della famiglia e l’invocazione di sostegni reali, che fino ad adesso sembra che non ci siano, dovrebbe essere voce unitaria di tutto il Paese, di tutte le famiglie italiane, anche in modo diversificati, ma l’obiettivo è assolutamente necessario perché le politiche familiari sono piccolissime”.  

Sul ddl Cirinnà
“le considerazioni da fare sono molte”, per il cardinale Bagnasco: “La prima e più evidente è che rappresenta una grande distrazione da parte del Parlamento rispetto ai veri problemi dell’Italia: creare posti di lavoro, dare sicurezza sociale, ristabilire il welfare”. Bagnasco ha ripetuto che “davanti alle nostre parrocchie c’è una grandissima coda di disoccupati, inoccupati, di gente disperata che non sa come portare avanti giorno per giorno la propria famiglia e in questa situazione tanto accanimento su determinati punti che impegnano il governo e lo mettono in continua fibrillazione appare una distrazione grave e irresponsabile”.

I vostri commenti
69

Stai visualizzando  dei 69 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo