logo san paolo
venerdì 03 dicembre 2021
 
 

«Nozze gay, vulnus alla famiglia»

30/05/2013  Per la Chiesa, dice il cardinale Angelo Bagnasco, la famiglia è «un papà e una mamma che danno ai propri figli un'educazione integrale nella libertà di ciascuno».

Il cardinale Angelo Bagnasco, presidente della Conferenza episcopale italiana. Foto Ansa,
Il cardinale Angelo Bagnasco, presidente della Conferenza episcopale italiana. Foto Ansa,

Il «oui» pronunciato a Montpellier da Bruno e Vincent, primi sposi gay di Francia, continua ad alimentare polemiche a livello europeo. In Italia, interpellato a Genova da alcuni giornalisti, il cardinale Angelo Bagnasco, presidente della Conferenza episcopale italiana, ha sottolineato che quel sì rappresenta «un grave vulnus alla famiglia». Parlando con i cronisti, il cardinale Bagnasco ha tenuto a ribadire che «la famiglia - ovunque, nel mondo - è il presidio dell'umano dove i bambini, le nuove generazioni, vengono non solo concepite e generate ma educate, come è diritto e dovere primario e fondamentale dei genitori».

Per la Chiesa, la famiglia è «un papà e una mamma che, nella loro completezza di personalità, danno ai propri figli un'educazione integrale nella libertà di ciascuno». La questione non è riconoscere o meno diritti individuali. La questione, semmai, è  considerare "matrimonio" l'unione di una coppia di fatto, sia essa etero o omosessuale. «I bisogni e i  diritti individuali - ha sottolineato Bagnasco - sono già assicurati dal diritto civile, senza la necessità di creare un nuovo soggetto di diritto».

I vostri commenti
7

Stai visualizzando  dei 7 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo