Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 20 maggio 2024
 
AMMINISTRATIVE
 

Ballottaggi: il 26 giugno oltre 2 milioni di italiani al voto in 65 Comuni

25/06/2022  I seggi per l'elezione dei nuovi sindaci aperti dalle 7 alle 23. Gli scrutini iniziano subito dopo la chiusura delle urne, in serata. Tra le grandi città, coinvolte Verona, Parma, Monza, Barletta, Lucca, Alessandria, Catanzaro, Como e Gorizia.

Sopra e in copertina: foto Viminale (interno.it). In alto: foto Ansa.
Sopra e in copertina: foto Viminale (interno.it). In alto: foto Ansa.

Sono oltre 2 milioni gli italiani che domenica 26 giugno sono chiamati alle urne per il turno di ballottaggio delle amministrative che si tengono in 65 Comuni (solo due con meno di 15mila abitanti), 59 nelle regioni a statuto ordinario e 6 in quelle a statuto speciale. I seggi per l'elezione dei nuovi sindaci rimangono aperti dalle 7 alle 23. I Comuni al voto nelle regioni a statuto ordinario con il maggior numero di elettori sono Verona (202.638), Parma (146.939), Monza (98.073), Barletta (80.159), Lucca (79.634), Alessandria (73.657), Catanzaro (73.294) e Como (72.132). Nelle regioni a statuto speciale, invece, Gorizia è il Comune al ballottaggio con il maggior numero di elettori (30.295) mentre Villafranca Sicula, in provincia di Agrigento, quello con il numero minore (1.407). 

L'elettore deve essere munito di tessera elettorale e idoneo documento di riconoscimento. La mascherina non è  più obbligatoria ma, sottolinea una nota del Viminale, "è fortemente raccomandato, per l'accesso degli elettori ai seggi e per l'esercizio del diritto di voto, l'uso della mascherina chirurgica".  Il voto si esprime tracciando un segno su uno dei due rettangoli contenenti il nominativo del candidato sindaco prescelto. Le operazioni di scrutinio iniziano nella stessa giornata di domenica 26 giugno, subito dopo la chiusura delle operazioni di votazione, l'accertamento del numero dei votanti e le altre operazioni preliminari. 

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo