Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 28 maggio 2024
 
 

Bambini e musica, miracolo a Milano

06/06/2013  Un concerto che coinvolgerà 150 fra musicisti e coristi darà la dimostrazione pratica di come suonare e cantare insieme possano tradursi in integrazione e crescita umana.

Per avere un'idea esatta delle potenzialità e della forza della musica bisogna essere presenti al concerto che si terrà venerdì 7 giugno alla Basilica di San Marco di Milano. Lì si esibiranno 150 giovani artisti, nella veste di musicisti o di coristi. Fanno parte del Sistema delle orchestre e dei cori giovanili e infantili della Lombardia, voluto in Italia da Claudio Abbado sul modello di El Sistema, creato da José Antonio Abreu in Venezuela e assurto a straordinario modello di integrazione sociale.

Nella sola Lombardia sono più di mille i giovani oggi coinvolti nelle attività musicali dei sei nuclei aderenti al Sistema
e dei due nuclei sperimentali, mentre altri cinque nuclei sono in via di formazione. Una realtà importante, dunque, ramificata in tutta Italia, che si pone come occasione di crescita umana e artistica per tutti i ragazzi, anche e soprattutto per quelli che vivono in condizioni disagiate o difficili.

I protagonisti del concerto del 7 giugno fanno parte della Pasquinelli Young Orchestra, al suo debutto, con bambini dagli 8 ai 12 anni; Futurorchestra, formata da ragazzi dai 12 ai 18 anni; il Coro Song, con giovani dai 10 ai 15 anni; e il Coro delle Mani bianche, composto da bambini e ragazzi non udenti. In programma musiche di Haendel, Haydn, Vivaldi, Elgar, Grieg...

Il concerto è l'occasione, per chi già non lo conoscesse, di incontrare il Sistema orchestre e cori giovanili e infantili in Italia, ispirato, come si diceva, a “El Sistema”, modello educativo diffuso ormai a livello globale, che offre a bambini e ragazzi la possibilità di accedere gratuitamente a una formazione musicale collettiva di esemplare portata socio-culturale.

Fondato nel 1975 in Venezuela da José Antonio Abreu, il progetto coinvolge giovani di ogni provenienza sociale, anche con disabilità. I suoi obiettivi sono l’integrazione, l’inclusione, la compensazione del disagio e la sensibilizzazione culturale, con la finalità di promuovere il riscatto sociale comunitario e la crescita di cittadini migliori. La pratica musicale d’insieme nei nuclei, gratuita e intensiva, e il tutoring “a cascata” (gli insegnanti educano i ragazzi e i ragazzi più progrediti gli esordienti) sono i cardini della strategia.

È così che lo studio della musica, che invita all’ascolto reciproco, alla condivisione e al rispetto, diventa strumento di socializzazione e di solidarietà. Gustavo Dudamel, Diego Matheuz, Cristian Vásquez, Dietrich Paredes sono alcuni dei celebri direttori d’orchestra che, formatisi grazie a “El Sistema”, sono i testimoni del valore di questa esperienza.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo