logo san paolo
sabato 31 ottobre 2020
 
 

Basket: il Gallo canta, Kobe no

11/10/2011  Gallinari rientrato dagli Usa, il miraggio Kobo Bryant, le delusioni d'estate e i pasticci d'autunno. E' partito il campionato ma...

Kobe Bryant, fuoriclasse del basket Usa.
Kobe Bryant, fuoriclasse del basket Usa.

Basket, campionato italiano, frammenti della giornata d'esordio. Torna il Gallo, al secolo Danilo Gallinari, e Milano surclassa Varese. A Bologna ancora aspettano Kobe Bryant, ma intanto si godono Homan, che stoppa Roma all'overtime. Questo, e poco altro.

     L'estate è finita da un pezzo, con l'autunno è arrivato pure il campionato. Tra la bella stagione e quella delle foglie cadenti, il pieno di basket-follie. La Nazionale, innanzitutto. Individualità di spicco, scarso gioco d'assieme. Il risultato? Cocente delusione all'Europeo, mancata qualificazione olimpica. E poi, ancora settimane di polemiche, veleni, accuse, guerre striscianti. Tra cause (in senso di tribunali) e caos. Fino all'ultima idea brillante.

     La Nba chiude le porte per un po'? Proviamo il gran colpo, portare Bryant, un mito a canestro, a Bologna. E via col tira e mollla. Qualche mese per lui, in quella che per anni è stata la capitale del basket italiano. Arriva o non arriva? Intanto, va in scena il varo del calendario. Con una postilla finale: se arriva il grande Kobe si cambia. Non arriva, però. Almeno non per un lungo periodo. E si prova l'alternativa: una partita "una tantum", Bryant con la maglia di Bologna (contro Treviso), per la modica cifra di un paio di milioni (sponsor da trovare in fretta, naturalmente).

Dino Meneghin, presidente della Federazione.
Dino Meneghin, presidente della Federazione.

    E io mi gioco la wild card

     Nell'attesa (se vana, si vedrà), scocca l'ora del campionato, il più folle da anni a questa parte, figlio più che altro di carte bollate e pastrocchi vari. La wild card, prima di tutto: un'invenzione tutta italiana, che prevede come la penultima classificata in A1 possa decidere di evitare la retrocessione ottenuta sul campo versando 500 mila euro alla seconda classificata di LegaDue. Regolamento cervellotico, che non poteva non creare problemi. Perchè accade che Teramo, metabolizzata la retrocessione, decida di pagare la wild card (500mila euro che dovranno finire nelle casse della Reyer Venezia, sconfitta nello spareggio per l’A1), ma lo faccia in ritardo rispetto ai tempi stabiliti dalla nuova norma. Così Venezia fa ricorso, la Corte Federale se la prende comoda, se ne va quasi tutta l'estate tra i dubbi.

     Poi, il verdetto, pilatesco: Teramo ha sbagliato, ma può comunque iscriversi alla A1. Ma Venezia non ci sta e si rivolge all’Alta Corte di Giustizia Sportiva del Coni. Dopo 40 giorni, viene annullata la decisione della Corte Federale, sancendo la validità del ricorso della Reyer, contro la Federazione e nei confronti dello stesso Teramo Basket: iscrizione diretta di Venezia nel massimo campionato italiano. Va a finire che in A1 giocheranno sia Teramo che Venezia, il massimo campionato diventa a 17 squadre.

     Che poi Dino Meneghin, presidente federale, decida di non partecipare alla presentazione del calendario, è una conseguenza del pasticcio: Federazione e Lega non sono sintonizzate sulla stessa lunghezza d'onda. Questa la storia di un'estate torrida.

     Intanto, la A1 è è partita, con altre novità. L'assenza di uno sponsor, come quella della telecamere di Sky, che abbandona il basket italiano dopo 7 anni di collaborazione. La pallacanestro resta in tv, comunque. Torna in chiaro su RaiSport, La7 e una serie di emittenti private che proporranno tutte le squadre di A in trasferta, digitale terrestre permettendo.

     Ma i riflettori sono tutti puntato sul grande asso del canestro, Kobe Bryant, il numero 1 del basket Nba. Fallito un tentativo, s'è puntato su un altro (la presenza una tantum). Opzione di difficile attuazione. L'ultima puntata di una lunga telenovela cestistica. Male sul campo, pasticci fuori. Sperando che il campionato aiuti a dimenticare.

I vostri commenti
0
scrivi
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 0,00 - 11%
CREDERE
€ 88,40 € 0,00 - 35%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
FELTRO CREATIVO
€ 23,60 € 18,00 - 24%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
GBABY
€ 69,60 € 49,80 - 28%
I LOVE ENGLISH JUNIOR
€ 69,00 € 49,90 - 28%
PAROLA E PREGHIERA
€ 33,60 € 33,50
VITA PASTORALE
€ 29,00
GAZZETTA D'ALBA
€ 62,40 € 0,00 - 14%