logo san paolo
domenica 26 giugno 2022
 
SANTA MARTA
 

«Basta dire una cosa e farne un'altra, lo scandalo distrugge»

23/02/2017  Non dobbiamo scandalizzare “i piccoli” con atteggiamenti ipocriti (pii di fronte agli altri, ma nel privato schiavi del peccato): il Vangelo di Gesù è esigente ed è bene, allora, non rimandare la conversione. Lo ha detto papa Francesco durante l'omelia della Messa mattutina.

Basta con l'ipocrisia. Basta dire una cosa e farne un'altra. Lo scandalo distrugge; il Vangelo di Gesù è esigente; meglio non rimandare a domani la decisione di convertirsi. Lo ha detto papa Francesco nell’omelia della Messa di questa mattina a Casa Santa Marta. “Tagliati la mano”, “togliti l’occhio”, ma “non scandalizzare i piccoli”. Lo scabdalo, ha precisato Jorge Mario Bergoglio, “è dire una cosa e farne un’altra; è la doppia vita” di chi va a Messa, appartiene ad un’associazione, ma non paga il giusto ai dipendenti, sfrutta la gente, è “sporco negli affari” o fa “riciclaggio del denaro”.

“Tanti cattolici sono così, e questi scandalizzano”. “Gesù dice, nel Vangelo, su questi che fanno lo scandalo, senza dire la parola scandalo, ma si capisce: ‘Ma tu arriverai in Cielo e busserai alla porta e: ‘Sono io, Signore!’ – ‘Ma sì, non ti ricordi? Io andavo in chiesa, ti ero vicino, appartenevo a tale associazione, faccio questo … non ti ricordi di tutte le offerte che ho fatto?’ – ‘Sì, ricordo. Le offerte, quelle le ricordo: tutte sporche. Tutte rubate ai poveri. Non ti conosco’. Quella sarà la risposta di Gesù a questi scandalosi che fanno la doppia vita”.

La doppia vita ha proseguito il Papa, “viene dal seguire le passioni del cuore, i peccati capitali che sono le ferite del peccato originale”. Di qui l’esortazione a non rimandare la conversione: “A tutti noi, a ognuno di noi, farà bene, oggi, pensare se c’è qualcosa di doppia vita in noi, di apparire giusti, di sembrare buoni credenti, buoni cattolici ma da sotto fare un’altra cosa; se c’è qualcosa di doppia vita, se c’è un’eccessiva fiducia: ‘Ma, sì, il Signore mi perdonerà poi tutto, ma io continuo …’. Se c’è qualcosa di dire: ‘Sì, questo non va bene, mi convertirò, ma oggi no: domani’. Pensiamo a questo”. “E approfittiamo – ha concluso – della Parola del Signore e pensiamo che il Signore in questo è molto duro. Lo scandalo distrugge”.

I vostri commenti
5

Stai visualizzando  dei 5 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo