logo san paolo
domenica 05 luglio 2020
 
 

Beirut, ieri la guerra oggi gli affari

14/05/2011  Un tempo era la "Parigi del Medio Oriente". Oggi questa città rischia di perdere il suo patrimonio storico e architettonico. Che alcune organizzazioni libanesi cercano di salvare.

    Beirut rischia di perdere la sua storia. Quella che un tempo era conosciuta nel mondo come la "Parigi del Medio Oriente" sta sacrificando le testimonianze del suo passato. L'allarme ha cominciato a girare su Facebook. Perché, come ormai spesso avviene in molti campi, tutto nasce da lì, da Facebook, da un gruppo creato quasi per caso sul social network e dal tam tam e circuito di informazioni che si produce tra i vari "amici" e "amici di amici". Così, a marzo 2010, Pascale Ingea, pittrice e insegnante di arte e disegno di Beirut - innamorata dell'Italia, dove ha studiato pittura murale, e che considera la sua seconda patria  - lancia su Facebook il gruppo "Stop destroying your heritage!", per sensibilizzare amici e conoscenti sulla ormai sistematica distruzione di edifici, luoghi simbolici e case tradizionali libanesi costruite a cavallo tra il XIX e il XX secolo nei quartieri storici, da Gemmayzeh, cuore della vita notturna, fino a Mar Mikhael, oggi quartiere di design e boutique, che la speculazione edilizia non esita a calpestare per costruire nuovi "mostri" di cemento per ricchi. In poco tempo il gruppo su Facebook prende vita, riceve un gran numero di adesioni da molti Paesi, comincia a muovere scambi di opinione generando un dibattito culturale.

     Nel giro di pochi mesi il gruppo passa da Facebook allo status di associazione a tutti gli effetti: a ottobre 2010, grazie all'impegno e alla passione di Pascale Ingea e di altri amici, nasce l'Associazione per la protezione del patrimonio libanese, di cui Pascale è presidente (www.protect-lebaneseheritage.com/blog): una Ong regolarmente riconosciuta che riunisce un gruppo di artisti volontari e si propone di creare un Libano più pacifico attraverso la cultura e l'arte, difendendo il patrimonio culturale libanese. Come spiega Pascale, che si dedica anima e corpo a questa "avventura", la Ong ha cominciato a collaborare con il ministero della Cultura libanese per monitorare e informare su qualunque tentativo di deturpare o abbattere edifici e case tradizionali; ha organizzato, insieme ad altre associazioni simili, incontri e marce simboliche attraverso i quartieri della città "in via di estinzione" - dove stanno scomparendo  - chiedendo al Parlamento, di votare una legge apposita per la protezione del patrimonio libanese. «In Libano esiste una legge che protegge soltanto le antichità», spiega Pascale Ingea, «noi vogliamo una legge che difenda tutto il nostro patrimonio». Su Facebook continua regolarmente a pubblicare le foto che testimoniano lo scempio degli edifici storici abbattuti, per dare spazio a nuove costruzioni moderne progettate spesso senza rispetto e attenzione per il paesaggio urbano.

    L'associazione fondata da Pascale Ingea non è la sola a lottare contro la distruzione della storia libanese. Altre organizzazioni sono nate nel corso degli ultimi anni e si sono attivate su Facebook. Una, ad esempio, è Save Beirut heritage: negli anni '90, esistevano circa 1.200 case ed edifici tradizionali in tutta la zona di Beirut e dintorni (le tipiche case con le finestre a tre archi e i tetti rossi, gli edifici in stile rococò, quelli di epoca ottomana e coloniale). Oggi ne sono rimaste circa 400. Con il ministero della Cultura l'associazione ha rivisto numerosi permessi di demolizione e bloccato l'abbattimento di molti edifici. Per salvare l'eredità culturale del Paese, spiegano i responsabili del gruppo, serve "un genuino risveglio popolare, qualcosa che non c'è stato negli anni '90".

Un grande cantiere a cielo aperto        

    A fine settembre del 2010, in occasione di una grande marcia con le candele accese nei quartieri storici, gli attivisti hanno denunciato un vero e proprio "stato di emergenza", affermando che intere zone di Mar Mikhael e rue Gouraud, strada ricca di locali e di vita notturna nel cuore di Gemmayzeh, sono minacciate dalle mire degli investitori. Alcuni giorni fa la campagna di protesta degli attivisti si è focalizzata intorno al sito dove sorgeva lo storico - e demolito - Cinema Vendome, a Mar Mikhael, destinato a diventare un complesso di appartamenti di 19 piani. L'impresa che porta avanti il progetto immobiliare è la Har properties: membro fondatore è Fahed Rafik Hariri, fratello maggiore dell'ex primo ministro libanese Saad Hariri (il padre, l'ex premier Rafiq Hariri, è stato assassinato a Beirut nel 2005).  Intanto, le iniziative delle organizzazioni vanno avanti. Con la sua Associazione per la protezione del patrimonio libanese, Pascale Ingea sta organizzando un grande evento di sensibilizzazione per il prossimo autunno: una mostra di fotografie con la proiezione di un film a Beirut, in un giardino pubblico nel quartiere di Achrafieh, per mostrare la storia dell'architettura libanese e le varie distruzioni già avvenute a Beirut. Forte dei suoi contatti con l'Italia - e in particolare con la città di Firenze dove ha studiato - Pascale ha chiesto il patrocinio per questa iniziativa all'Ambasciata italiana in Libano.  

    Le associazioni con il loro attivismo hanno fatto tanto. Ma non è ancora abbastanza per salvare le bellezze di una delle città più aperte, vivaci e affascinanti del Mediterraneo,  e allo stesso tempo una delle più martoriate, sfregiata da una lunga ed estenuante guerra civile - tra il 1975 e il 1990 - e ancora oggi alla ricerca di una pace continuamente minacciata. La guerra e i bombardamenti, anni fa, hanno spazzato via buona parte del patrimonio architettonico urbano. Già alla fine della guerra, in tutto il Libano si è attivata una grande corsa alla ricostruzione, determinando il boom del settore immobiliare. Oggi, al posto delle bombe, sono gli affaristi e gli speculatori edilizi che, grazie al sostegno delle banche, nonostante la crisi economica mondiale investono grandi somme nella costruzione di grattacieli e imponenti complessi residenziali con abitazioni da 1.500 metri quadrati destinati ai miliardari libanesi e agli acquirenti del Paesi del Golfo. In giro per Beirut è difficile non imbattersi in grandi lavori edilizi; vaste zone del tessuto urbano si sono trasformate da qualche anno in un enorme cantiere a cielo aperto. Per non parlare della costa, sia urbana che al di fuori di Beirut, deturpata da nuove imponenti costruzioni che hanno stravolto il paesaggio.

     L'ex Parigi mediorientale, insomma, rischia di diventare una nuova Dubai: modellata sulle esigenze dei ricchi affaristi, esattamente come la "cattedrale del deserto", sacrificando la sua storia secolare e la sua identità nazionale. "Beirut non è in vendita", "Beirut non è il deserto", ripetono gli slogan lanciati dalle organizzazioni per la difesa del patrimonio. Gli attivisti assicurano che "ognuna di quelle case storiche ha qualcosa da raccontare. Spesso si tratta di storie di sofferenza e di nostalgia. Beirut le ha ferite con le sue guerre e la sua instabilità, ma ciò che oggi le sta realmente distruggendo è il fatto che il denaro si sta dimostrando più forte della loro lunga lotta per difendere la propria dignità".

I vostri commenti
0
scrivi
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 92,90 - 11%
CREDERE
€ 88,40 € 0,00 - 35%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
FELTRO CREATIVO
€ 23,60 € 18,00 - 24%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
GBABY
€ 69,60 € 49,80 - 28%