logo san paolo
mercoledì 28 febbraio 2024
 
Libro-intervista
 

Benedetto XVI: «Governare non è il mio forte ma non mi sento fallito»

31/12/2022  Le dimissioni, le riforme, il rapporto con il successore, la lobby gay in Vaticano e il pensiero della morte. Ratzinger si è raccontato nel libro-intervista con Peter Seewald "Ultime conversazioni", uscito nel settembre 2016: «Il governo pratico non è il mio forte. Nessuno mi hai mai ricattato. Felice del mio successore, lui è l’uomo della riforma pratica»

«Ho scritto io il testo della rinuncia», rivela Joseph Ratzinger, che sgombra anche il campo da ogni ipotesi di ricatto: «Non si è trattato di una ritirata sotto la pressione degli eventi o di una fuga per l'incapacità di farvi fronte. Nessuno ha cercato di ricattarmi. Non l'avrei nemmeno permesso. Se avessero provato a farlo non me ne sarei andato perché non bisogna lasciare quando si è sotto pressione. E non è nemmeno vero che ero deluso o cose simili. Anzi - continua -, grazie a Dio, ero nello stato d'animo pacifico di chi ha superato la difficoltà. Lo stato d'animo in cui si può passare tranquillamente il timone a chi viene dopo». ​E ancora: «Il governo pratico non è il mio forte e questa è certo una debolezza. Ma non riesco a vedermi come un fallito». Sul successore: «Francesco è l'uomo della riforma pratica e ha anche l'animo per mettere mano ad azioni di carattere organizzativo».

Sono alcune dichiarazioni del papa emerito papa emerito Benedetto XVI, contenute nel libro-intervista Ultime conversazioni uscito venerdì 9 settembre 2016 nelle librerie per Garzanti e curato dal suo biografo, Peter Seewald. Seewald, scrittore e giornalista tedesco, ha già scritto con Benedetto XVI Sale della terra (1996), Dio e il mondo (2000) e Luce del mondo (2010). In un’intervista con il quotidiano tedesco Die Zeit ha raccontato alcuni dettagli su Ratzinger, come il fatto che è un «patito delle informazioni», che ama guardare i telegiornali italiani tutte le sere, che è un fan dei film della serie Don Camillo e Peppone. Oggi 89enne, Benedetto XVI vive nel monastero Mater Ecclesiae in Vaticano dove si è ritirato dopo le dimissioni nel 2013. L'ultima sua apparizione pubblica risale allo scorso febbraio. Ecco alcuni passaggi del libro.

«Felice del mio successore»
Benedetto XVI si dice "felice" del successore Jorge Mario Bergoglio, la cui elezione è stata il segno di una "Chiesa viva". Ratzinger interviene anche sul tema di un presunto gruppo di pressione omosessuale in Vaticano: "Effettivamente - afferma - mi fu indicato un gruppo, che nel frattempo abbiamo sciolto. Era appunto segnalato nel rapporto della commissione di tre cardinali che si poteva individuare un piccolo gruppo di quattro, forse cinque persone. Se ne formeranno altri? Non lo so. Comunque il Vaticano non pullula certo di casi simili".

«La scristianizzazione progredisce»
Nel testo Benedetto XVI sprona anche la Chiesa a cambiare: "È chiaro che la scristianizzazione dell'Europa progredisce, che l'elemento cristiano scompare sempre più dal tessuto della società. Di conseguenza la Chiesa deve trovare una nuova forma di presenza, deve cambiare il suo modo di presentarsi".

«Bisogna prepararsi alla morte»
Il Papa emerito confida quindi come si prepari alla morte. "Bisogna prepararsi alla morte - afferma -. Non nel senso di compiere certi atti, ma di vivere preparandosi a superare l'ultimo esame di fronte a Dio. Ad abbandonare questo mondo e trovarsi davanti a Lui e ai santi, agli amici e ai nemici. A, diciamo, accettare la finitezza di questa vita e mettersi in cammino per giungere al cospetto di Dio".

Il libro è un "testamento spirituale"
"Queste Ultime conversazionì - spiega la scheda del libro - rappresentano il testamento spirituale, il lascito intimo e personale del Papa che più di ogni altro è riuscito ad attirare l'attenzione sia dei fedeli sia dei non credenti sul ruolo della Chiesa nel mondo contemporaneo". Nella sua lunga intervista con Peter Seewald il Papa emerito "affronta per la prima volta i tormenti, la commozione e i duri momenti che hanno preceduto le sue dimissioni; ma risponde anche, con sorprendente sincerità, alle tante domande sulla sua vita pubblica e privata: la carriera di teologo di successo e l'amicizia con Giovanni Paolo II, i giorni del Concilio Vaticano e l'elezione al papato, gli scandali degli abusi sessuali del clero e i complotti di Vatileaks".

Multimedia
Benedetto XVI si dimette: in latino
Correlati
I vostri commenti
42

Stai visualizzando  dei 42 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo