logo san paolo
domenica 27 settembre 2020
 
Bologna, sentenza discutibile
 

Benedizioni vietate per sentenza, è questa la vera laicità?

15/02/2016  Un anno fa la polemica: un piccolo gruppo di insegnanti e genitori protesta per la celebrazione del rito, seppure al di fuori dell’orario scolastico. Ora il Tar dà ragione al ricorso di quel gruppo. La presa di posizione della Curia bolognese: «Escludere la dimensione religiosa dalla scuola e pensare di ridurla a una sfera meramente individuale non contribuisce alla affermazione di una laicità correttamente intesa».

«Il Tar vieta le benedizioni in classe? Le faremo fuori, ci faremo benedire altrove. È un periodo brutto e pericoloso, dove si coprono statue, si vietano i presepi e i crocifissi al cimitero. E poi? Dove finiamo?». Daniela Turci, preside dell’Istituto comprensivo 20, nel centro storico di Bologna, annuncia battaglia contro la sentenza del Tar che, annullando la delibera del Consiglio d’istituto, ha vietato di fatto le benedizioni pasquali a scuola, anche se impartite al termine dell’orario scolastico, su base volontaria e solo con la presenza dei genitori. 

Fa piacere e rincuora, naturalmente, una presa di posizione così chiara e così netta da parte di chi ha un posto di responsabilità nella scuola. Sgomenta invece il fatto che l’arroganza ideologica di un pugno di insegnanti e di genitori prevarichi sulla volontà della maggioranza assoluta degli altri docenti e delle famiglie.

La vicenda risale a un anno fa. Anche allora si avvicinava la Pasqua e i parroci di riferimento dell’Istituto comprensivo, che comprende due scuole elementari, la Carducci e la Fortuzzi e le medie Rolandino (istituti scolastici storici e affollatissimi, nel cuore della città) chiesero e ottennero dal Consiglio d’istituto, praticamente all’unanimità, il permesso di impartire le benedizioni a scuola dopo la fine dell’orario scolastico. Apriti cielo. Subito salì la protesta, in nome della laicità. Il clima a scuola si fece irrespirabile, certo non piacevole per le famiglie e per i bambini.

E infine il ricorso. Undici insegnanti e sette genitori, spalleggiati dall’Associazione “Scuola e costituzione”. Una proporzione risibile, che sarebbe persino scorretto definire una minoranza. Oggi comunque questa “minoranza” esulta.

La laicità ha vinto, hanno dichiarato i ricorrenti, che di fatto costringeranno la maggioranza assoluta degli insegnanti e delle famiglie, col beneplacito della preside, che non ha escluso di ricorrere all’Avvocatura di Stato, a darsi da fare per trovare un’altra sede per non rinunziare alla tradizionale benedizione.

Di fronte a questo non ha escluso la sua perplessità nemmeno il sindaco PD Virginio Merola. L’assessore alla scuola, Marilena Pillati, è andata oltre. «In questa vicenda qualcuno ha vinto un ricorso ed esulta, ma credo non abbia certamente vinto la scuola, quella scuola pubblica e laica che deve educare al dialogo, al rispetto delle differenze e non ad escludere», ha dichiarato.

Ma la posizione più dura è venuta dalla Curia bolognese che, attraverso un comunicato ufficiale, ha espresso «stupore e amarezza», in quanto «escludere la dimensione religiosa dalla scuola e pensare di ridurla  a una sfera meramente individuale non contribuisce alla affermazione di una laicità correttamente intesa». 


I vostri commenti
36
scrivi

Stai visualizzando  dei 36 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%