logo san paolo
mercoledì 08 dicembre 2021
 
dossier
 

«Benvenuto da noi, periferia d'Italia»

03/07/2014  Il 5 luglio Jorge Mario Bergoglio va in Molise. «Siamo marginali, questa visita di Francesco avviene del segno della continuità». La sorpresa e la gioia del vescovo di Campobasso-Bojano, monsignor Giancarlo Bregantini.

Campobasso,
dal nostro inviato

Quando gli hanno telefonato dalla Segreteria di Stato vaticana per annunciargli che il Papa sarebbe venuto in Molise lui replicò:  «Possibile? Questo papa lo vedrei più in Siria, che in Molise». Monsignor  Giancarlo Bregantini, vescovo di Campobasso-Bojano, spiega una scelta inattesa che lo ha sorpreso. Tre anni fa il Molise aveva invitato Benedetto XVI in occasione del VI centenario del ritrovamento della statua della Madonna della Libera, recupero di una pagina importante della storia e della religiosità locali.

Ora la visita di papa Francesco assume anche altri significati in una regione periferica. Sabato 5 luglio, Bergoglio va all'Università di Campobasso, prega in Cattedrale sulla tomba di monsignor  Secondo Bologna, il vescovo di Campobasso ucciso durante il bombardamento della città il 10 ottobre 1943, mentre era raccolto in preghiera nella cappella del seminario. Celebra Messa e pranza con i poveri alla mensa della Caritas. Poi in elicottero si trasferisce al santuario mariano di Castelpetroso dove incontra i giovani e infine ad Isernia visita il carcere e nella Cattedrale apre l'anno di celebrazioni per Celestino V,  Pietro da Morrone, nato a Isernia, il Papa del gran rifiuto, unico pontefice molisano.

- Monsignor  Bregantini l'annuncio della visita prima lo ha sorpreso e poi?
«Ho pensato che il papa non vuole scartare nessuno, nemmeno noi molisani che siamo gli ultimi in Italia. Ma è una visita nel segno della continuità. Lui va nelle periferie: Lampedusa, Sardegna, Calabria, Molise».

- Chi parla al Papa?
«Chi ha perso il lavoro, chi sta faticando per logiche miopi e clientelari, ma anche chi sa sfidare il futuro».

- E qual è il futuro?

«Per noi l'agricoltura. Parlerà un giovane imprenditore agricolo che con l'azienda di famiglia sta sperimentando la semina su sodo con un macchinario che taglia la terra e infila sementi. Così non si ara più e i terreni in collina evitano di scivolare a valle. E' una tecnica che ha imparato in Argentina».

- Come sta il Molise?
«Male, eppure l'abbandono ha un rivolto positivo. Non c'è inquinamento e l'ambiente è intatto. La delinquenza ha gli indici più bassi d'Italia. Ma finora l'identità molisana è stata rapinata da una politica clientelare. Noi ora dobbiamo difenderla e farla rinascere».

- Come?
«Superando la cattiva nostalgia e la distruttiva permalosità, fonte del clientelismo che ha mortificato il Molise. I molisani sono miti, ma permalosi, ognuno per sé, difficilissimo lavorare insieme, costruire cooperative e fare rete. Così non avendo sbocchi, il rischio è che si trasformi tutto in una palude. Invece dobbiamo smetterla di piangere ed elaborare progetti a lunga distanza».

- Faccia un esempio.
«In Molise ci sono 6 mila raccoglitori di tartufo, ma nessun progetto sul tartufo, nessuna cooperativa, nessun marchio. In agricoltura i consorzi non decollano. Abbiamo 70 qualità diverse di mele, ma gli agricoltori non si alleano tra loro come hanno fatto in Trentino. Così il prezzo è sempre stabilito da altri e qui si perde. Prenda i polli. La grande industria italiana dice che in Molise i polli crescono bene per terra e aria buona. Ma il macello era gestito con criteri clientelari e stiamo rischiando di perdere la produzione».

- Ma lei fa il vescovo o che fa?
«Io sono dell'idea del Toniolo: la spiritualità fonda l'etica, la politica e l'economia. Io vado in giro per la diocesi vedo le cose e offro stimoli».

- In che modo?
«Vado in una parrocchia e ci resto 5 giorni, dormo dal parroco e incontro tutti dai ragazzi nelle scuole, perché così poi ne parlano ai genitori, agli ammalati agli anziani soli, parlo con i sindaci della buona politica e dell'importanza del territorio. Vado nelle stalle, nei campi, nei frutteti, mi fermo con i pastori. Qualcuno rimane sconcertato, perché io scardino i ruoli e spiego che la Chiesa non fa solo processioni. La semina su sodo l'ho scoperta così. E poi ci sono le mamme rurali, un tesoro di valori per il Molise e anche per l'Italia, fragili, da proteggere».

- E ai parroci cosa dice?
«Che devono stimolare la cooperazione, fare come alla fine del secolo Ottocento quando i cattolici inventarono credito e cooperative per mettere in pratica la dottrina sociale. Altrimenti qui si muore».

- E l'industria?
«Abbiamo la Fiat a Termoli e io ho invitato alla visita del papa anche Marchionne, che è molisano. Non per parlare, ma per ascoltare».

Multimedia
Papa Francesco in Molise: lavoro, poveri, giovani e Celestino V
Correlati
I vostri commenti
6

Stai visualizzando  dei 6 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo