Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
giovedì 23 maggio 2024
 
 

Napoli, bentornati a Monnezzopoli

22/06/2011  Tra un sindaco “rivoluzionario" che aveva promesso di ripulirla in 5 giorni (già scaduti) e gli altri enti che giocano allo scaricacassonetto, la città è sommersa dai rifiuti.

Napoli puzza. Non è un’offesa, né un coro da stadio. È, purtroppo, soltanto la constatazione di un fatto. La città affoga nella monnezza e il caldo “regala” miasmi da discarica. I sacchetti della spazzatura non raccolti giacciono per le strade ormai da giorni: 2.500 tonnellate a Napoli, 10mila in provincia secondo l’ultimo bollettino.   Ma più che i numeri è quello che accade in città a dare il senso della dimensione e della disperazione dei napoletani. Strade chiuse perché ostruite dalla spazzatura: è accaduto non in periferia, ma a due passi da Piazza del Plebiscito, il salotto buono della città. Immondizia anche nella strada dove abitava il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano; a lui, gli abitanti della zona, esasperati, hanno rivolto un appello sistemando dei cartelli proprio sui cumuli di rifiuti.  

Scene da dopoguerra anche nei quartieri popolari di Napoli: tra i vicoli, spesso ostruiti, ti può capitare di incrociare mamme che gettano disinfettante lungo la strada. Ai Quartieri Spagnoli, il proprietario di una trattoria ha “scelto” di chiudere: l’ingresso del suo locale è di fatto ostruito da un cumulo di sacchetti. I miasmi sono nauseabondi. E così ha apposto un cartello dove si legge: “mi vergogno di stare aperto con questo scempio. Grazie a tutti i politici”. Già, i politici… Il neosindaco di Napoli Gianni De Magistris in pieno delirio berlusconiano aveva detto: “via i rifiuti dalle strade in cinque giorni”. Tempo scaduto e città più sporca di prima. Al neo sindaco di Napoli, appena eletto, non si possono attribuire precise colpe. È però il segnale evidente di come tra promettere e fare a Napoli si passi attraverso un ginepraio di Istituzioni e competenze, decreti e delibere, accordi e collaborazione.

Questa volta a venir meno è stato il sindaco di Caivano, a nord di Napoli: lì era stato individuato un sito di trasferenza dove, per qualche tempo, si sarebbe potuta “parcheggiare” l’immondizia di Napoli. Con un’ordinanza il sindaco ha vietato lo sversamento e la monnezza è rimasta in strada. Poi, il ricorso al Tar da parte della Provincia e la riapertura. Con questa soluzione Napoli, forse respirerà per qualche giorno, ma si continua ad andare avanti tra sentenze, ricorsi e carte bollate. Manca un piano serio, definitivo e condiviso.

E intanto? La città e la provincia vengono pulite a singhiozzo: i napoletani ogni mattina si svegliano ed incrociano le dita, volgendo lo sguardo al cassonetto vicino casa. In questi giorni è andata bene agli abitanti dei quartieri di Fuorigrotta e del Vomero, quartieri ripuliti proprio in questi giorni; male, malissimo al centro ed in alcune zone periferiche.   Insomma, il vento non è cambiato: il Governo, complice la Lega, tarda nell’emanare un decreto che consenta di trasferire i rifiuti fuori regione. La Regione Campania, guidata da Stefano Caldoro  ha in mente un piano che prevede ulteriori termovalorizzatori. De Magistris ha promesso raccolta differenziata porta a porta e nessun “inceneritore”. La Provincia, con Cesaro, nicchia nell’individuare siti utili. Tradotto: tra un governo centrale ridotto al lumicino, un sindaco “rivoluzionario”, una Regione ingessata e una Provincia latitante riparte il gioco dello scaricacassonetto: Risultato? Napoli puzza... E forse muore….

I vostri commenti
8

Stai visualizzando  dei 8 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo