Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 25 maggio 2024
 
 

Bergoglio all'Europa: «Aprite le porte ai profughi»

16/03/2016  Papa Francesco denuncia la situazione al confine tra Grecia e Macedonia dove uomini, donne e bambini - accampati nel fango - soffrono per le avverse condizioni climatiche, senza cibo. Il Segretario di Stato, il cardinale Pietro Parolin, intanto va a Skopje.

E’ il dramma dell’immigrazione che preoccupa il Papa il tema dell’udienza generale di mercoledì 16 marzo. Mentre la Santa Sede muove la diplomazia e il cardinale Pietro Parolin, Segretario di Stato della Santa Sede,  si accinge a partire per la Macedonia dove affronterà il dramma dei profughi, e alla vigilia dell’ennesimo Consiglio europeo dedicato all’emergenza dei profughi, Papa Francesco lancia un appello ai governanti ad “aprire le porte” e assicura che Dio non dimentica chi soffre. Bergoglio  ha spiegato che “la solitudine, la sofferenza, la morte ci fanno pensare di essere stato abbandonati da Dio”: “Quante volte abbiamo sentito questa parola, Dio si è dimenticato di me, tante volte le persone che soffrono si sentono abbandonate”.

Il riferimento è al dramma dei profughi: “Quanto nostri fratelli stanno vivendo in questo tempo una reale e drammatica situazione di esilio, lontani dalla loro patria, con negli occhi ancora le macerie delle loro case, nel cuore la paura e spesso, purtroppo, il dolore per la perdita di persone care”. In questo casi, ha proseguito il Papa, “uno può chiedersi dov’è Dio? Come è possibile che tanta sofferenza possa abbattersi su uomini, donne e bambini innocenti?”. Bergoglio a parlato a braccio, aggiungendo ad un testo dedicato alla riflessione sulle parole della Bibbia del profeta Geremia dedicate alla consolazione, le parole sull’immigrazione sottolineando che è bello sentire che gli Srati aprono le porte: “A me piace tanto sentire quando vedo le nazioni, i governanti che aprono il cuore e aprono le porte”.

Invece oggi gli immigrati “non sentono l’accoglienza”. “Sono lì al confine perché tante porte e tanti cuori sono chiusi, i migranti di oggi soffrono all’aria, senza cibo e non possono entrare”. Il riferimento del Papa è alla drammatica situazione dei profughi nel piccolo paese di Idomeni alla frontiera tra la Grecia e la Macedonia.

Multimedia
Dall'asilo all'udienza con il "maestro" Francesco
Correlati
I vostri commenti
5

Stai visualizzando  dei 5 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo