Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 25 maggio 2024
 
 

Silvio va sotto, il Web s'infiamma

08/11/2011  Il dibattito politico lascia le Tv e si trasferisce sulla Rete. Con ironia, rabbia, passione e un fiume di messaggi.

Crisi del Governo Berlusconi o maggioranza che tiene, dimissioni sì dimissioni no, il dato ormai incontrovertibile è che le discussioni più appassionate sul presente e sul futuro della siituazione politica italiana si sono trasferite sul web, sui social network.

     Basta osservare quello che sta accadendo in queste ore su Twitter, prima e immediatamente dopo il voto sul Rendiconto dello Stato che ha visto la maggioranza fermarsi a 308 voti. Il tam tam digitale è inarrestabile e per partecipare attivamente o anche soltanto osservare il popolo del web che s'incontra e discute, con computer o smartphone (chi scrive è attualmente connesso a Twitter via tablet), è sufficiente, per esempio, digitare #laresadeiconti per avere un'idea precisa di come i social network hanno non solo favorito e accompagnato le rivoluzioni della Primavera araba, ma adesso stiano "monitorando" la crisi politica italiana da vicino, molto da vicino, presidiandola in modo spasmodico, 24 ore su 24, sino a ridurre a "comparse" dell'informazione le radio, la Tv.

    

   
    Appuntamento su Twitter, dunque.
Tecnicamente, nel linguaggio del web 2.0, i punti di ritrovo si chiamano "hashtag": #laresadeiconti su Twitter è uno di questi. Cominciano sempre con "cancelletto", cioè #, e con attaccata la parola o il tema di cui si vuole discutere o con il quale si vuole provocare una discussione. Per "raggiungere" questi appuntamenti digitali bisogna aprire il sito di Twitter (www.twitter.com), iscriversi se è la prima volta che si aderisce e poi digitare nella barra di ricerca l'hashtag desiderato, in questo caso #laresadeiconti (ma per farsi un'idea dei dibattiti sul  tema "crisi di governo" può andare anche bene #berlusconi, oppure il @quirinale). Andiamo a leggere, il fiume del web è inarrestabile, mentre scriviamo sono passati appena 20 minuti da quando alla Camera è terminata la votazione sul Rendiconto. Urla un tweet: "Sali al Colle, sali al Colle".

    

    
     Si indigna un altro: "A San Vittore coi poveracci altro che a casa". Qualcuno usa l'ironia: "Caro Silvio, un'altra occasione per scappare con Ryanair". Un altro sembra essersi appassionato per tutto il pomeriggio: "Fossi ancora al liceo, avrei già pronta la giustificazione per non aver studiato". E un tweet si accanisce: "308 favorevoli su 309, sarei curioso di sapere chi è quel genio che ha votato no".

     C'è anche chi non molla il Cavaliere in 140 caratteri: "Silvio, dai una lezione a 'sti professionisti della politica". Perché i 140 caratteri da mandare sulla Rete sono l'unica regola da rispettare per scrivere su Twitter e aderire ai suoi dibattiti in tempo reale. E sembrano la vera risposta di democrazia e partecipazione che forse il Cavaliere ha sottovalutato sin dall'inizio. Perché se è vero che ieri ha affidato a un altro social network, Facebook, sul suo profilo ufficiale, la smentita alla notizia delle dimissioni, certo il web rappresenta per lui d'ora in poi una spina nel fianco, che non è controllabile come i Tg o certi editoriali.

    


    I twit della Rete, che corrono in tempo reale tra le nuove generazioni, stanno superando la sua idea di comunicazione.  Perché "sono" la comunicazione che si fa dibattito e non puo essere imbavagliata. L'ultimo tweet prima di chiudere questo articolo online: "Sentiamo cosa ha da dire Napolitano".

                                                
                                                            Pino Pignatta                                                   

I vostri commenti
8

Stai visualizzando  dei 8 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo