logo san paolo
lunedì 06 dicembre 2021
 
 

Silvio, scusa se ridono di te...

11/12/2012  In tutta Europa, i leader che hanno portato i Paesi nella crisi sono usciti di scena. Solo in Italia Berlusconi tenta il ritorno.

Gli attori del film "S.B. Io lo conoscevo bene" con le maschere di Berlusconi (foto Reuters).
Gli attori del film "S.B. Io lo conoscevo bene" con le maschere di Berlusconi (foto Reuters).

Stupisce lo stupore. Quello di Silvio Berlusconi e dei suoi, s'intende, arrabbiati col mondo perché dappertutto, in Europa, i propositi di rivincita del Cavaliere sono accolti con ironia o palese sconforto. Da un punto di vista umano e personale è comprensibile: essere chiamati "mummia" o essere considerati una specie di catastrofe ambulante, giusto o sbagliato che sia, non fa piacere a nessuno. Tanto meno può farlo a un personaggio in qualche modo eccezionale come Silvio.

Ma dal punto di vista politico? Qui le cose cambiano e, appunto, stupisce lo stupore. Nessuno dei Pesi dell'Europa in crisi conosce il ritorno dei leader che hanno portato le rispettive nazioni nella crisi economica. Zapatero in Spagna? Dimenticato. Sarkozy in Francia? Rischia un processo. Konstantin Karamanlis, premier della Grecia quando saltò fuori che i bilanci erano truccati e non c'era più una dracma in cassa? Chissà dov'è finito. Bertie Ahern, premier dell'Irlanda? Perse le tracce. Il primo ministro inglese Gordon Brown? A intristire in qualche cantone.

Come si vede, in questa lista ci sono politici di destra e politici di sinistra. Non è dunque questione di colore ma di atteggiamento: accomuna questi leader un grave peccato di omissione, non aver voluto o saputo avvertire i cittadini che la tempesta stava arrivando, che sarebbe stato meglio correre ai ripari, attrezzarsi, preparare scorte e rifugi. Fare qualche sacrificio prima per non doverli fare tutti insieme dopo. Cose così, quelle che fanno coloro che dalla categoria dei politici ambiscono a elevarsi fino a quella degli statisti.

Solo in Italia il politico di allora, Berlusconi appunto, ambisce al riciclo anche oggi. E da noi non viene nemmeno sbertucciato, anzi è temuto e da qualcuno (molti?) sarà certamente anche votato. Ma possiamo stupirci se il resto del mondo reagisce diversamente? Se i Paesi che guardano avanti giudicano noi e il Cavaliere un caso strano? Una parte d'Italia somiglia sempre più all'automobilista della barzelletta. Quello che andava contromano in autostrada e intanto mormorava tra sé: ma questi sono tutti matti!

I vostri commenti
21

Stai visualizzando  dei 21 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo