Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 22 aprile 2024
 
 

Quel grido di pace da Betlemme

25/12/2012  Nel corso della Messa di mezzanotte, dalla basilica della Natività è risuonato forte il richiamo alla pace del Patriarca latino di Gerusalemme, monsignor Fouad Twal.

Nel corso della Messa di mezzanotte, dalla basilica della Natività di Betlemme è risuonato forte il grido di pace del Patriarca latino di Gerusalemme, monsignor Fouad Twal. «Da questo Luogo Santo – ha detto - invito i politici e gli uomini di buona volontà a lavorare risolutamente per un progetto di pace e di riconciliazione che abbracci la Palestina e Israele e questo Medio Oriente sofferente. Solo la giustizia e la pace in Terra Santa potranno portare a ristabilire un equilibrio regionale e mondiale».


L'accorato appello è stato lanciato nella notte in cui il mondo cristiano ha guardato a Betlemme come sua capitale. Nella basilica c'erano ambasciatori e consoli di diversi Paesi oltre che il ministro giordano degli Affari esteri, rappresentante del re Abdullah. C'era anche il presidente palestinese Mahmoud Abbas. A questi ultimi monsignor Twal si è rivolto direttamente: «Siete stati in prima linea fra coloro che hanno lavorato e lavorano per la pace, la non violenza e la giustizia. Apprezziamo i vostri sforzi e le vostre posizioni coraggiose a livello regionale e internazionale. Grazie perché continuate a battervi per una giusta causa che è quella della pace e della sicurezza per tutti i popoli della Terra Santa. I vostri sforzi hanno avuto come frutto il riconoscimento, da parte delle Nazioni Unite, della Palestina come Stato osservatore non membro. Questo riconoscimento deve essere un passo decisivo verso la pace e la sicurezza per tutti».


«Preghiamo con fervore – ha poi aggiunto il patriarca latino - per i nostri fratelli in Siria, che muoiono inesorabilmente senza pietà! Preghiamo per il popolo egiziano che lotta per un’intesa nazionale, per la libertà e l’uguaglianza. Preghiamo per l’unità e la riconciliazione in Libano, Irak, Sudan, e negli altri paesi della regione e del mondo. Preghiamo per la prosperità e la stabilità della Giordania. Cari fratelli e sorelle, la festa ritorna quest’anno mentre molti di voi soffrono per un motivo o per l’altro. Migliaia di giovani in carcere attendono con impazienza di riacquistare la loro libertà. Le famiglie sono separate e attendono un permesso per potersi riunire sotto lo stesso tetto. Soffrite per una occupazione che non ha fine. Gaza e il sud di Israele sono usciti da una guerra le cui conseguenze sono ancora visibili sul terreno e negli animi. La nostra preghiera abbraccia tutte le famiglie, arabe ed ebree, colpite dal conflitto. Che il Signore doni loro pazienza, conforto e consolazione, e che la società doni loro assistenza e sostegno!».

A tutti, il Patriarca latino di Gerusalemme ha ricordato la nascita di Gesù, principe della pace: «nato povero, ha vissuto poveramente, scegliendo liberamente di non avere alcun privilegio. Ha sperimentato la fatica, il dolore, il freddo, la fame, la sete, la paura, la persecuzione, la fuga, e - più tardi - la morte e il sacrificio di se stesso. E questo perché ha voluto essere veramente un ‘figlio dell’uomo’, che ha condiviso con noi le nostre sofferenze e le nostre speranze, felice di essere uno di noi. È nato per i poveri, per gli oppressi e i sofferenti, così come per la gente semplice, ordinaria, per chi non ha perduto la speranza in Dio; è venuto per i peccatori – ha inoltre affermato monsignor Twal - ha voluto restituire all’uomo la sua umanità e al peccatore la sua bontà e innocenza, la sua immagine di Dio, che era stata distorta dal peccato. Ha voluto interiorizzare i precetti e le leggi, facendo della religione non una serie di obblighi, ma l’espressione dell’amore verso Dio. Al posto dell’amore per la Legge ha proclamato la legge dell’Amore. La riconciliazione è opera di Dio. In questa notte – ha concluso Twal - abbiamo bisogno di un momento di silenzio e di preghiera. Guardiamo il Bambino di Maria e ascoltiamolo».

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo