Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
venerdì 31 maggio 2024
 
Il carteggio del momento
 

Lettere di un cardinale a una carmelitana scalza

16/06/2017  E' appena uscito un inedito del card. Giacomo Biffi , "Lettere a una carmelitana scalza" (ed. Itaca), che contiene alcune corrispondenze tra l'ex arcivescovo di Bologna e suor Emanuela Ghini, monaca e studiosa, durato oltre 50 anni, dal 1960 alla morte del cardinale. La storia di un'amicizia e di una direzione spirituale "reciproca", tra un principe della Chiesa e una semplice suora, ma anche tra un uomo e una donna, nello stile affettuoso e ironico di entrambi

E’ un carteggio inedito e raro, per certi versi rivelatore. "Lettere a una carmelitana scalza" (edizioni Itaca), in questi giorni in libreria, a cura di Emanuela Ghini, prefazione di Carlo Caffarra, postfazione di Matteo Maria Zuppi, porta la firma di Giacomo Biffi e contiene la corrispondenza di oltre mezzo secolo tra l’allora “don”, poi arcivescovo di Bologna e cardinale, e la giovane Emanuela, prima aspirante accademica e poi suora (e scrittrice) nel Carmelo di Savona.

Non importa che la stragrande maggioranza delle lettere siano di Biffi, grazie all’amorosa custodia di Suor Emanuela. Da ogni riga traspare un dialogo affettuoso e libero e una comune ricerca di Dio. Emanuela e Giacomo si incontrano poco più che ventenni, quasi per caso. Nasce una profonda amicizia, un’intesa anche intellettuale che apre al dialogo, inteso come un momento gioioso, “di festa”.

Un dialogo innanzitutto tra un “lui” e una “lei”, un uomo e una donna, pronti a sorreggersi a vicenda, a turno “consigliere spirituale” l’uno dell’altro. Un dialogo tra “una corrispondente indocile e a volte ribelle, contestatrice e mai arresa al fatto cristiano”, come si definisce la stessa suor Emanuela nell’introduzione, e “un amico reazionario che è abbastanza amante della verità e della giustizia, ma insieme ha un po’ troppo il gusto donchisciottesco di assalire i mulini a vento”, come si autodefinisce invece lo stesso Biffi in una missiva, col suo proverbiale senso dell’ironia.

Quello che colpisce è l’estrema libertà del colloquio. E la leggerezza che permane anche quando i due si contraddicono e persino bisticciano, vista la diversità di vedute e anche di carattere. Non mancano momenti di alta teologia, di profonda umanità e di toccante poesia. Biffi spiega il perché di certe sue posizioni giudicate “non politicamente corrette” e certamente anticonvenzionali. E anche il perché di certe sue frasi che lo resero involontariamente celebre, come quando definì la “sua” Bologna, peraltro amatissima “sazia e disperata”.

Leggero e sempre profondo, anche e forse soprattutto nell’ironia. “Ti auguro il senso dell’umorismo”, scrive appunto il cardinale all’amica carmelitana, “che forse consiste, alla sua radice, nell’amare appassionatamente tutte le creature senza identificare mai nessuna di esse con il loro Creatore”.

I vostri commenti
11

Stai visualizzando  dei 11 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo