logo san paolo
lunedì 17 gennaio 2022
 
 

Biologico, costi quel che costi

08/10/2011  Un italiano su due è disposto a spendere di più per avere un prodotto eco-sostenibile. Lo rivela un'indagine di Fondazione Impresa

Il 58,6 per cento degli italiani è disposto a spendere di più per un prodotto biologico o ecologico. A rivelarlo è un’indagine sui comportamenti eco-sostenibili realizzata da Fondazione Impresa. Lo studio si basa su un campione di 600 persone.

Tra le abitudini di spesa, sembra consolidarsi quella dell’acquisto di prodotti alimentari biologici. Solo un italiano su tre (33,1 per cento), infatti, non ha mai acquistato questi prodotti, mentre il 19,7 per cento lo fa abitualmente/spesso, il 33,9 per cento qualche volta e il 13,2 per cento raramente. Meno abituale, invece, è l’acquisto di detersivi o detergenti ecologici (il 49,2 per cento non ha mai acquistato detersivi e/o detergenti ecologici).  

Secondo questa indagine, gli italiani dimostrano di essere attenti alla qualità anche ambientale dei prodotti che acquistano. Il 36,6 per cento, infatti, controlla abitualmente (o spesso) i marchi biologici o le etichette ecologiche dei prodotti che acquista (il 22,2 per cento lo fa qualche volta, il 15,9 per cento raramente e uno su quattro non l’hai mai fatto). Inoltre, oltre il 90 per cento degli italiani ritiene molto/abbastanza importanti i consumi energetici degli elettrodomestici e delle automobili in fase di acquisto.    

L'identikit del consumatore. Dai dati di Fondazione Impresa emerge poi che i consumatori tipo nell’era della green economy sono donne, diplomate e dell’Italia settentrionale.  Sono loro che acquistano i prodotti alimentari biologici (soprattutto le donne giovani tra i 18 e i 34 anni), i detersivi ecologici, che controllano i marchi di qualità ambientale dei prodotti e la classe energetica degli elettrodomestici che acquistano.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo