logo san paolo
mercoledì 25 maggio 2022
 
 

Boccia (Pd): Questo Governo cambierà il Paese

29/04/2013 

L’onorevole Francesco Boccia, Pd, 45 anni, ha due buoni ragioni per scommettere sulla lunga durata del Governo di Enrico Letta. Boccia infatti è amico personale del premier (da tempo ha l’etichetta di “lettiano doc”) e, dal 2011, marito di Nunzia De Girolamo, ministro delle Politiche agricole. “Le basi per un Governo di lunga durata”, spiega Boccia, “devono esserci. Quanto sta accadendo oggi  è la conseguenza del’auspicio del presidente Napolitano  nel suo discorso davanti alle Camere riunite”.


- Le è piaciuto il discorso di Letta?

“Sì, il discorso di Letta è stato ampio e ambizioso, non si sentivano discorsi così in aula da tanto tempo”.


- Il Governo potrebbe durare tutta la legislatura?

“Questo Governo non nasce per durare qualche settimana, nasce per cambiare il Paese o per sancire il fallimento della politica. Vanno cambiate le fondamenta delle Repubblica e la vita del Governo è legata anche ai lavori della Convenzione per le riforme. Auspichiamo che dentro che ci siano tutti, anche quelli che non voteranno la fiducia a questo Governo”


- Vede il clima giusto per la collaborazione fra Pd e Pdl?

“Penso di si. Ovviamente è sotto gli occhi di tutti che avremo dei passaggi difficili. Quando ci sono le elezioni amministrative i nostri candidati e dirigenti sono sempre alternativi al Pdl e sul territorio si confrontano aspramente  anche con chi oggi è nel  Governo  con noi”.


- Questo non vi farà litigare?

“Dovremo fare lo sforzo che Letta richiamava,nel suo discorso cioè distinguere la politica dalle politiche. Questo Governo nasce sulle politiche, su alcune  risposte da dare alle famiglie italiane, alle imprese, ai lavoratori . Qui si vedrà la maturità della classe politica. Se tutti raccogliamo l’ invito di Napolitano  avremo una  verifica fra 18 mesi, quindi ci sarebbe  un orizzonte lungo, uguale a quello della costituente che ci ha dato la nostra Costituzione. Non so se questa classe dirigente è all’altezza dei  costituenti, ma me lo auguro per dare all’Italia entro due anni fondamenta nuove”.


- Lei conosce bene Letta, ce lo descriva

“Enrico è un europeista convinto, molto paziente, con una grande capacità  di ascolto, molto rara nella politica di oggi. Enrico ascolta sempre anche le opinioni che non condivide, è la persona adatta  per gestire questo momento straordinario. Enrico viene  dalla cultura del solidarismo cattolico, la sua è una storia che può tenere insieme centrosinistra e centrodestra”

 

- Che cosa augura a suo moglie ministro?

“Le auguro di fare bene quello che sa fare. Nunzia i problemi dell’agricoltura li conosce, vedrete che farà bene”

Multimedia
L'economista Daniele Checchi: sul lavoro molte idee, pochi fondi
Correlati
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo