Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 25 maggio 2024
 
 

Bologna degli anni '50, secondo Avati

28/04/2010  Il regista torna a tracciare un ritratto dell'Italia di mezzo secolo fa

Un intreccio di storie intorno ai tavoli del bar Margherita, nella Bologna del 1954: Taddeo ha 16 anni, vive con la mamma vedova e il nonno e sogna solo di poter frequentare il locale sotto i portici di casa sua, dove c'è un continuo via vai di gente e personaggi curiosi. Con uno stratagemma diventa l'autista di Al, uno degli avventori del locale, e avrà modo di conoscere quel mondo che tanto lo affascina, per poi scoprire una realtà di persone semplici. Dopo Il papà di Giovanna, Pupi Avati torna ancora a descrivere l'Italia del dopoguerra con Gli amici del bar Margherita, in una Bologna dove si rivivono i ricordi di un epoca storica ben precisa, con dettagli che provengono dalla memoria dello stesso regista. Con Diego Abatantuono e Laura Chiatti, il film non prende mai una piega drammatica ma è intessuto da una lieve nostalgia.

Mercoledì 28, 21.00 - Premium Cinema

Giudizio critico: buono
Pubblico: famiglia

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo