logo san paolo
domenica 05 dicembre 2021
 
 

Grillini e leghisti contro il bonus bebé agli immigrati

30/10/2014  I Cinque Stelle appoggiano un emendamento di Calderoli che toglie il diritto per i nati figli di immigrati. Ora le Leghe sono due.

E' sempre più l’atteggiamento verso gli stranieri a dividere la politica e a ridefinire le alleanze. Poco fa la prova in Senato: il leghista Calderoli presenta un emendamento al Def (Documento di economia e finanza) in cui propone di negare ai cittadini extracomunitari il bonus bebè da 80 euro mensili previsto dalla Legge di Stabilità e trova i voti favorevoli del Movimento 5 Stelle. La proposta è stata  respinta dalla maggioranza, ma ha fatto scattare il caso politico. La senatrice democratica Rosa Maria Di Giorgi è stata la prima a puntare il dito sull’alleanza “razzista”, ricordando come i bambini siano tutti uguali. Dal canto loro, i senatori pentastellati spiegano in una nota di aver votato sì alla proposta della Lega per protestare contro la decisione del Governo di prevedere il bonus solo per i nati nel 2015, e di non estenderlo per i nati fino al 2017. Peccato che Calderoli chiedesse di “declinare le politiche di sostegno alla natalità e alla famiglia esclusivamente per i cittadini italiani”.

In realtà, il voto in Senato si potrebbe leggere in piena continuità con la virata antistranieri del Movimento e, in particolare, di Grillo. Sul blog, capita non di rado di trovare toni velatamente xenofobi, mentre i suoi video contengono contenuti e invettive virulente che incitano a punire gli immigrati. Il leader evita ogni presa di posizione a favore dell’integrazione, tanto che il Movimento ha dovuto “ribellarsi” per schierarsi a favore della cittadinanza ai figli degli immigrati. L’ultima presa di posizione lo scorso 20 ottobre, quando il politico genovese, parlando dei profughi che attraversano il Mediterraneo, aveva invitato a “rispedire i cosiddetti clandestini da dove venivano”. Subito Storace twittò: “Grillo sta saccheggiando tutte le proposte de La Destra. Benvenuto”.

I vostri commenti
4

Stai visualizzando  dei 4 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo