logo san paolo
lunedì 26 settembre 2022
 
 

Boris Johnson è arrivato al capolinea

07/07/2022  Dopo la valanga di dimissioni tra i ministri, il primo ministro britannico lascia la guida dei Tories , ma intende restare alla guida del governo fino a quando non sarà eletto un nuovo leader del partito.

Il primo ministro britannico Boris Johnson lascia la guida dei Tories (il partito conservatore), ma intende restare alla guida del governo fino a quando non sarà eletto un nuovo leader del partito. Lo ha annunciato lui stesso con un breve discorso davanti alla residenza al numero 10 di Downing Street. La decisione di Johnson è arrivata  dopo che 50 tra ministri e sottosegretari hanno lasciato il governo. “Il discorso del premier è stato breve. Ma la sua uscita di scena non sarà necessariamente rapida”, sottolinea la BBC. Johnson, spiega l’analista politico Iain Watson, “voleva  che la storia sapesse che le sue dimissioni erano colpa dei colleghi e non sua. La ‘mandria', come l'ha definita, si è mossa rapidamente, nonostante la vittoria della più grande maggioranza alle elezioni generali del 2019 dal 1987 e l'attrazione di nuovi elettori per il suo partito”.

“Nessuno è indispensabile” , ha ammesso Boris Johnson nel suo discorso. L 'elezione di un successore alla guida dei Tories è prevista per ottobre, ma molto nel partito vogliono accelerare i tempi per evitare la permanenza alla guida del governo di un primo ministro ormai screditato. Sir John Major, ex primo ministro conservatore, è intervenuto nel dibattito sulla durata della permanenza di Boris Johnson a Downing Street affermando che sarebbe "poco saggio" lasciare che Johnson rimanga fino all'autunno.

La situazione è in piena evoluzione. I laburisti stanno pensando di far approvare alla Camera dei Comuni un voto di sfiducia che, se i conservatori perdessero, farebbe scattare le elezioni generali.

La credibilità di Johnson vacillava da tempo. Per lui la situazione è precipitata negli ultimi giorni, con una raffica di dimissioni."La gente si aspetta giustamente che il governo sia condotto in modo corretto, competente e serio”, gli ha scritto il ministro dell’economia Rishi Sunak, Un giudizio condiviso da molti all’interno del partito. La rivolta del partito conservatore contro Johnson ricorda quella che nel 1990 portò alle dimissioni di Margaret Thatcher.

Per Boris Johnson sono state fatali le troppe bugie, con le quali ha voluto coprire vari scandali. In cima alla lista c'è il "partygate", le feste alcoliche organizzate a Donwing Street dal governo durante il lockdown, in un momento in cui le feste  erano vietate ai cittadini comuni a causa della pandemia. L'ultima bugia riguardava la nomina a "capogruppo" (responsabile di far rispettare la disciplina di voto del partito in Parlamento) di Chris Pincher, accusato di aver aggredito sessualmente due uomini durante una festa in un club di Londra. Boris Johnson ha affermato di non saperne nulla, prima di essere costretto ad ammettere di essere stato informato.

Johnson si era insediato al numero 10 nel luglio del 2019 con la promessa di "portare a termine la Brexit" dopo le dimissioni del precedente primo ministro conservatore, Theresa May, a causa dell'impasse parlamentare sull'accordo di recesso del Regno Unito con l’UE. Per superare l'impasse, Johnson aveva indetto le elezioni generali il 12 dicembre, una scommessa che ha dato i suoi frutti. Ha ottenuto una vittoria schiacciante contro l'ex leader laburista Jeremy Corbyn. Il 31 gennaio, dopo tre anni e mezzo di lotte politiche e ritardi, il Regno Unito ha ufficialmente lasciato l’UE. Ma questo non ha risolto tutti i problemi nei rapporti con l’Unione Europea.

L’ uscita di scena di Johnson è stata salutata con favore in Russia dai portavoce del Cremlino e del ministero degli esteri. Johnson è stato in questi mesi uno dei grandi sostenitori dell’Ucraina, ma è difficile aspettarsi dal suo successore toni più  morbidi verso Mosca. Soprattutto se a Downing Street andrà l’attuale ministra degli esteri Liz Truss, che più volte ha usato  toni e mostrato pose da nuova “lady di ferro”.

 

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo