logo san paolo
lunedì 15 agosto 2022
 
 

Il weekend terribile dell'America

08/08/2011  Nei giorni scorsi gli Stati Uniti sono piombati in un incubo, tra il declassamento del rating ad "AA+" e l'attentato in Afghanistan. Reazioni e umori della politica e dei media Usa.


Boston

Sabato scorso gli americani si sono svegliati con due notizie tanto brutte quanto storiche
e, al contrario di quanto detto da Wolf Blitzer della CNN (e se c'è lui in onda il sabato sera già significa che è successo qualcosa di grosso), nemmeno tanto scollegate tra loro: il declassamento degli Stati Uniti, ­il primo dal 1917 - nella classifica mondiale di affidabilità economica dell'agenzia Standard & Poor's - e la morte di 30 militari dei corpi speciali in Afghanistan, ­ il più alto numero di caduti americani in un solo giorno dall'inizio del conflitto. Così, dopo averle digerite a fatica, domenica mattina analisti e politici hanno riempito di commenti - che vanno dal preoccupato, al risentito, fino al catastrofico - le pagine dei giornali e i tradizionali talk show televisivi.

    I democratici puntano il dito contro l'eredità di George W. Bush e l'intransigenza del Tea Party, il partito del tè, l'ala oltranzista repubblicana allergica alle tasse e alla spesa pubblica. Al punto che Howard Dean, ex segretario nazionale del Partito democratico, arriva a dire in diretta sulla CBS: "Secondo me il tè questi oltre che a berselo se lo fumano anche". I repubblicani di converso accusano i democratici e soprattutto il presidente Barack Obama di "debitodipendenza" e più in generale di fallimento su tutta la linea: "In qualsiasi settore privato avesse lavorato Obama, con questi numeri lo avrebbero già cacciato via da un pezzo", ha tuonato ripetutamente il senatore repubblicano del South Carolina Lindsay Graham nello stesso programma, interrompendo più volte (cosa che ­ negli Usa non succede quasi mai) l'interlocutore.

  E pensare che l'S&P 500 aveva indicato come primo motivo del declassamento il clima di instabilità e polarizzazione politica. Dal canto suo, la Casa Bianca se la prende direttamente con l'agenzia di rating additandole un errore di conteggio di 2.000 miliardi di dollari, mentre a soffiare sulla polemica ci si mette anche la Cina, titolare di circa il 40% del debito USA, che, nonostante il punteggio più basso, si permette di fare la predica invitando gli americani a fare, da ora in poi, il "passo secondo la gamba".

    E tra le tante previsioni (dall'apocalisse al nulla di fatto) sull'impattodel downgrade su mercati finanziari e sui portafogli dell'americano medio spicca la voce, saggia come sempre, di Thomas Friedmann sul New York Times: "La nostra Nazione è nel mezzo di un declino", riflette, "un declino della peggior specie, lento, abbastanza lento da farci illudere che non si debba cambiare nulla per far sì che il nostro futuro sia come il nostro passato". Per ora nel futuro, quello prossimo, c'è il ritorno di 30 bare avvolte nella bandiera a stelle e strisce, tanto per ricordare a tutti, repubblicani, democratici e indipendenti, che la guerra non fa male soltanto al rating.    

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo