logo san paolo
martedì 26 ottobre 2021
 
 

Brasile 2016, non solo Olimpiadi

28/08/2012  Il Paese carioca al centro del mondo: dalle contraddizioni al miracolo economico e sociale, verso Rio 2016

La bandiera olimpica a Rio de Janeiro, in Brasile, sede delle prossime Olimpiadi tra quattro anni (Ansa).
La bandiera olimpica a Rio de Janeiro, in Brasile, sede delle prossime Olimpiadi tra quattro anni (Ansa).

Spagna nel 1992, Usa nel 1996, Australia nel 2000, Grecia nel 2004. Poi Cina (2008) e Brasile (2016), con l’intermezzo eccezionale della Gran Bretagna che, con gli ultimi Giochi, è diventata la prima città a organizzare tre Olimpiadi (1908, 1948 e appunto 2012). La scansione delle sedi olimpiche (anche invernali: Russia nel 2014 e Corea del Sud nel 2018) dà la misura di quanto stia cambiando il mondo. E il Brasile (Olimpiadi nel 2016, Mondiali di calcio nel 2014 e Giornata mondiale della Gioventù nel 2013) si candida a diventare per i prossimi anni il centro di questo mondo nuovo.

La statua del Cristo Redentore domina dall'alto Rio de Janeiro, dove è già arrivata la bandiera olimpica per i prossimi Giochi del 2016 (Ansa).
La statua del Cristo Redentore domina dall'alto Rio de Janeiro, dove è già arrivata la bandiera olimpica per i prossimi Giochi del 2016 (Ansa).

Spesso serve il grande evento per accorgersi di certi fenomeni. Ma ci sono correnti silenziose che, invece, parlano chiaro. Qui sul sito Giuseppe Caffulli ha già raccontato che nel 2011 gli italiani che hanno chiesto un permesso di soggiorno per motivi di lavoro in Brasile sono stati 72 mila, con 280 mila portoghesi, 62 mila spagnoli, 92 mila giapponesi.
È il più concreto degli omaggi a un Paese che, ancora oberato da contraddizioni e sacche di povertà estrema, ha realizzato un miracolo non solo economico ma sociale.

Il 27 ottobre del 2002, quando Lula divenne presidente, il real, la valuta brasiliana, crollò rispetto al dollaro, la Borsa sprofondò, il rating internazionale del Paese divenne una barzelletta. Ma nei dieci anni successivi sono stati creati 15 milioni di posti di lavoro e 28 milioni di persone (il 15% della popolazione) sono state sottratte alla povertà. L’anno scorso il Brasile è cresciuto del 7,5 per cento. I Giochi vanno nel posto giusto.

I vostri commenti
2
scrivi

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 57,80 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%