Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 28 maggio 2024
 
 

Brasile, la rivincita della manioca

23/04/2010  Ricchissima di carboidrati questa pianta era considerata "cibo dei poveri". Ora invece, è "alla moda". E una cuoca di grido la porta nelle scuole.

Teresa Corçao ha un ristorante a Rio de Janeiro: si chiama O Navegador. Usa prodotti dell'agricoltura familiare acquistati dai contadini; nei menù indica l'origine delle materie prime. Ha fondato l'Istituto Maniva che sviluppa progetti nei settori dell'istruzione, della cultura, dell'agricoltura. Nel 2002 ha cominciato a lavorare sul Progetto Manioca, e insegnato a 1800 bambini le origini della manioca e la sua importanza per il Brasile.

     Teresa va nelle scuole, nei quartieri poveri, armata di pentole e fornelli. Coinvolge i bambini facendo loro toccare, annusare, impastare. La sua esperienza è stata portata d'esempio durante l'edizione di Terra madre, promossa in Brasile da Slow Food international lo scorso marzo. «L'importanza di questo prodotto è quasi sconosciuta qui da noi: per gli Amerindi, prima dell'arrivo di Pedro Alvares Cabral, lo scopritore del Brasile, la manioca era il cibo principale. Il grano europeo non si adattava alle nuove terre, e i coloni piantarono anch'essi manioca», sostiene Teresa. Detta anche cassava, o tapioca quando è farina, questa radice è presente in Brasile da oltre 10 000 anni e diffusa in Asia e in Africa. È una delle coltivazioni che forniscono una grande quantità di calorie per metro quadro; perciò è un alimento valido per chi ha bisogno di nutrirsi spendendo poco. «È l'alternativa sana al junk food, il cibo industriale a basso prezzo che diffonde obesità tra le classi povere. I bambini sono il nostro futuro, la manioca deve far parte della loro vita, come è sempre stato».  

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo