logo san paolo
sabato 15 maggio 2021
 
dossier
 

Brexit, i vecchi hanno deciso per i giovani

24/06/2016  Secondo l’analisi di YouGov il 75% degli elettori tra i 18 e i 24 anni ha votato per restare nell’Unione Europea come pure la maggioranza degli inglesi tra i 25 e i 49 anni. Il “Leave” invece ha spopolato tra pensionati e over 65. Un segno che conferma la diagnosi di papa Francesco sull’«Europa nonna»

Papa Francesco in visita all’Europarlamento di Strasburgo aveva usato un’espressione delle sue: «Europa nonna». Il referendum inglese, a suo modo, ha confermato questa diagnosi impietosa del Pontefice latinoamericano. Analizzando i flussi del voto che ha sancito l’uscita del Regno Unito dall’Unione europea si scopre, infatti, che fosse stato per i giovani, loro sarebbero rimasti. Lo spiega bene l’analisi dell’istituto Yougov. Circa il 75% dei votanti tra i 18 e i 24 anni ha votato per il “Remain”. Anche la maggior parte degli adulti tra i 25 e i 49 anni, quelli all’inizio o nel pieno della vita lavorativa, ha scelto la permanenza nell’Ue. Il “Remain” comincia a calare al 42% nella fascia che va dai 50 ai 65 anni per precipitare al 36% tra gli over 65, i più entusiasti e compatti per l’uscita.
Secondo un sondaggio di YouGov realizzato prima del voto, inoltre, l’opzione “Remain” era nettamente la più popolare fra i cittadini sotto i 40 anni, mentre nelle successive fasce d’età era avanti l’opzione “Leave”. La popolazione anziana inoltre, come in moltissimi altri paesi occidentali, è in maggioranza  rispetto a quella under 40: secondo il censimento del 2011, i britannici nella fascia di età 19-40 sono meno del 30 per cento rispetto alla popolazione totale.

L'analisi di YouGov sulle scelte degli elettori inglesi in base all'età
L'analisi di YouGov sulle scelte degli elettori inglesi in base all'età

Il voto, qualunque esso sia, va sempre rispettato. Però un dato di fatto è certo: sono stati soprattutto pensionati e over 65 a scegliere di andarsene dall’Ue ed essendo più numerosi ad aver deciso per i loro figli e nipoti. La solita Europa, verrebbe da dire cogliendo la riflessione del Papa, terrorizzata dai migranti alle frontiere, dai musulmani, dalla crisi, dai cambiamenti sociali che s’impongono a grande velocità. Ovvio, gli inglesi avevano tutto il diritto di esprimere il loro parere in un referendum che il primo ministro ora dimissionario David Cameron ha agitato come un’arma finendo per farsi male lui per primo. Che sia un grande  affare per gli inglesi lo vedremo. Nel frattempo, vale la pena rileggersi le parole pronunciate da papa Francesco il 6 maggio scorso in occasione del conferimento del Premio Carlo Magno: «Nel Parlamento europeo mi sono permesso di parlare di Europa nonna. Dicevo agli Eurodeputati che da diverse parti cresceva l’impressione generale di un’Europa stanca e invecchiata, non fertile e vitale, dove i grandi ideali che hanno ispirato l’Europa sembrano aver perso forza attrattiva; un’Europa decaduta che sembra abbia perso la sua capacità generatrice e creatrice. Un’Europa tentata di voler assicurare e dominare spazi più che generare processi di inclusione e trasformazione; un’Europa che si va “trincerando” invece di privilegiare azioni che promuovano nuovi dinamismi nella società; dinamismi capaci di coinvolgere e mettere in movimento tutti gli attori sociali (gruppi e persone) nella ricerca di nuove soluzioni ai problemi attuali, che portino frutto in importanti avvenimenti storici; un’Europa che lungi dal proteggere spazi si renda madre generatrice di processi».

Multimedia
Brexit, il giorno dopo: volti e reazioni dell'addio della Gran Bretagna all'Europa
Correlati
I vostri commenti
30
scrivi

Stai visualizzando  dei 30 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 57,80 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%
    PAROLA E PREGHIERA
    € 33,60 € 33,50
    VITA PASTORALE
    € 29,00
    GAZZETTA D'ALBA
    € 62,40 € 53,90 - 14%