logo san paolo
mercoledì 08 dicembre 2021
 
A una settimana dal referendum
 

Brexit, in agguato c'è la bestia che si chiama Populismo

16/06/2016  La Gran Bretagna sembra impazzita. La gente comune, occupata a curare i figli, preparare la cena, andare in ufficio, non riesce a decidere. E intanto si fanno strada i populismi che gli inglesi non hanno mai conosciuto. L'alfiere del "Leave", cioè dell'andiamocene dall'Europa, campione della povera gente vittima della burocrazia di Bruxelles e delle multinazionali, è quel Boris Johnson che ha studiato a Eaton e a Oxford.

(Sopra: l'ex sindaco conservatore di Londra Boris Johnson, favorevole all'uscita della Gran Bretagna dall'Europa)


In Inghilterra in questi giorni se ne sentono di tutti i colori. Amici istruiti, intelligenti e anche religiosi, cattolici, persone, di solito, di buon senso e aperte voteranno per il Brexit. Un’ amica medico condotto dice che non ne può più di “tutti questi polacchi che telefonano senza sapere la lingua e i traduttori ci costano un sacco di soldi”. Un’altra, brava infermiera, sostiene che il servizio sanitario è preso d’assalto dagli stranieri e, anche lei, non ne vuole sapere più dell’Europa. “Voglio out”,dice. Eppure mio marito, che lavora all’università e tanti altri nostri amici, professori e ricercatori, sono disperati perché sanno che gli atenei, da sempre, vivono di accademici che arrivano dalla Francia, l’Italia e gli altri  Paesi. Se la Gran Bretagna si staccherà da Bruxelles una fonte vitale di reddito per tutte le università, le sponsorizzazioni dei progetti dell’Unione Europea, si asciugheranno. E la mia parrucchiera? Quando le chiedo come voterà il viso si fa smarrito, quasi tormentato. «Non ne ho idea. Come faccio a decidere?».

Sì, proprio. Come fa a decidere la gente comune, occupata a curare i figli, preparare la cena, andare in ufficio del destino del Regno Unito e dell’Europa? Come possono sapere quello di cui radio, televisioni e giornali parlano in modo ossessivo. Se conviene oppure no al Regno Unito restare nella Ue. Questa non è una decisione da referendum, ha scritto l’Economist. E’ una scelta per politici professionisti. Eppure sarà proprio quel terzo dell’elettorato, ancora indeciso, a una settimana dal voto a determinare il destino dell’Europa e del mondo. E l’unico criterio è quello dell’interesse nazionale. Perché, si sa, dal 1975 quando il Regno Unito votò, con un clamoroso sì, per entrare nella Comunità economica europea nell’unico altro referendum in cui venne chiesto al popolo di decidere, l’Europa è sempre stata, qui, soltanto una questione di convenienza economica.

Non di ideali, non di appartenenza, non di visione del futuro. Ed è su questo terreno che si combatte la battaglia, lo scontro frontale, tra le due anime del partito conservatore che hanno voluto questa consultazione. Con il premier David Cameron e il suo ministro del Tesoro e delle finanze George Osborne a ripetere che, se vince il Brexit, saranno danneggiate le pensioni, i risparmi, le esportazioni. E i loro oppositori il ministro per la giustizia Michael Gove e l’ex ministro del welfare Iain Duncan Smith che sostengono che il premier e il Cancelliere inventano cifre per terrorizzare l’elettorato. Ogni giorno ministri del governo pro e contro Brexit si alternano accusandosi a vicenda di dire bugie mentre sanno che quel Boris Johnson che guida il partito “Leave”, di chi se ne vuole andare, punta soltanto ad eliminare Cameron per entrare a Downing Street.

Insomma la Gran Bretagna sembra impazzita perché quella lotta intestina tra i Tories che guardano al passato dell’impero e delle ex colonie e chi punta sul futuro dell’Europa sta travolgendo tutto il Paese, importando qui una bestia che non è mai esistita: il populismo. Del quale è campione proprio quel Boris Johnson rampollo delle classi ricche, istruito nella prestigiosa scuola privata di Eton e a Oxford che si presenta come il campione della povera gente vittima della burocrazia di Bruxelles e delle multinazionali. E nel campo “Leave” le cifre si inventano senza preoccupazioni e si parla di 350 milioni di sterline alla settimana mandate alla Ue. O di migliaia di musulmani che premono alle frontiere pronti ad assalire le donne inglesi come ha detto Nigel Farage, il leader del partito Ukip, fondato qualche anno fa, proprio per portare il Regno Unito fuori dall’Europa, l’altro grande populista, insieme a Johnson, di questa consultazione.

Soltanto venerdì prossimo sapremo se gli elettori hanno avuto buon senso. Se si sono guardati attorno e hanno visto gli italiani, gli irlandesi, i francesi e chi viene dall’est europeo e si sono accorti che contribuiscono, da sempre, alla ricchezza di questo Paese e possono convivere benissimo con indiani e pakistani, americani, canadesi e australiani che arrivano dalle ex colonie. Se hanno capito che il Commowealth delle ex colonie non esclude la Ue e le due istituzioni possono convivere come hanno sempre fatto.

Perché se il Brexit prevale a spezzarsi non sarà soltanto l’Europa ma anche il Regno Unito. La Scozia, da sempre fortemente europeista, quasi sicuramente, chiederà un altro referendum sull’indipendenza desiderosa di rimanere con Bruxelles anziché con Londra. Per non parlare degli irlandesi, legati economicamente al Regno Unito, ma, col cuore, da sempre fortemente europei. Perché le radici dell’Unione, hanno ricordato i vescovi cattolici in un comunicato, nel quale hanno chiesto ai fedeli di prendere il voto seriamente, pregando e mettendo al primo posto giustizia e pace, si ritrovano nel cristianesimo di un’Europa che mette al primo posto la persona. E sono tanti leader cristiani, compreso il Primate anglicano Justin Welby a dire no al Brexit e all’Europa dei nuovi nazionalismi.

Multimedia
Le venti foto che hanno fatto l'Europa, immagini di un sogno stropicciato
Correlati
«Theresa May, ho due cose da dirti»: bimba di 5 anni striglia la premier inglese
Correlati
Le venti foto che hanno fatto l'Europa, immagini di un sogno stropicciato
Correlati
I vostri commenti
20

Stai visualizzando  dei 20 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo