logo san paolo
venerdì 19 agosto 2022
 
 

Brizzi: la mia vita da boy scout

21/06/2012  Lo scrittore evoca in un bel libro la sua esperienza felice nello scoutismo: «Il luogo in cui mi sono formato e che mi ha insegnato l'amore per la natura, la lealtà e il senso civico».

Raggiungiamo Enrico Brizzi al telefono, mentre si avvicina per lui la meta del suo viaggio a piedi (a tappe di una quarantina di chilometri al giorno) da Roma a Venezia, sulle tracce dell’itinerario di Giuseppe e Anita Garibaldi. Il gusto del cammino e del contatto con la natura Brizzi, oggi trentottenne, l’ha imparato da piccolo, come boyscout. Un’esperienza, quella dello scoutismo, che racconta nel suo ultimo libro, La legge della giungla (Laterza, pagine 302, euro 14,00).

Brizzi, ci vuole raccontare come è iniziata la sua esperienza da scout?

«Era un po’ una tradizione della mia famiglia, zii e cugini erano stati scout prima di me. Però nessuno mi ha forzato, anzi era un mio desiderio molto forte: vedevo questi bambini e ragazzi nelle loro belle divise, ne invidiavo gli eleganti cappellini e non vedevo l’ora di essere anch’io come loro. Avevano l’aria di divertirsi un mondo, usavano un linguaggio in codice, insomma mi sembravano una conventicola di iniziati. Così dall’età di 8 anni in poi sono stato prima lupetto, poi esploratore e infine membro del clan, cioè il gruppo dei più grandi. Fino alle soglie dell’università sono stato un boyscout felice e orgoglioso di esserlo».

Che cosa ha trovato in quell’ambiente?

«Insieme alla scuola, alla parrocchia e alla famiglia, lo scoutismo è stato il mio luogo formativo. Vi ho trovato la passione della vita all’aria aperta, ma anche il senso dell’importanza della lealtà a una regola, quello che, trasposto su un piano adulto, potremmo forse chiamare senso civico. Una lealtà spontanea, non imposta dall’alto. Ho trovato un ambiente attento a proteggere e a valorizzare i più deboli, gli stessi ragazzi che magari altrove venivano sopraffatti o derisi dal gruppo dei pari».
 

Ritiene questa proposta educativa valida ancora oggi?
«Assolutamente sì, tanto che lo scorso settembre ho iscritto mia figlia Cloe, che ha 8 anni. E ho già pre-iscritto le altre mie due figlie, Maia e Altea, entrambe di 7 anni. Penso che lo scoutismo aiuti i ragazzi a crescere e i genitori a capire che il loro compito non è quello di ossessionare i figli con le proprie paure e preoccupazioni, bensì quello di spingerli a muoversi nel mondo in maniera autonoma e responsabile. Quando c’è una guida adeguata, i ragazzi imparano in fretta. Certo, la prima volta che Cloe ha trascorso due notti fuori casa con gli altri lupetti, da padre ho provato un po’ di comprensibile apprensione. Ma poi è prevalso un sentimento di tenerezza e di fiducia, ricordando che cosa quelle prime uscite, alla sua stessa età, avevano significato per me».

Quanto è stata forte la dimensione spirituale e religiosa nel suo percorso come scout? «Nei gruppi dell’Agesci, l’associazione scoutista cattolica, era centrale. Si trattava però di un cattolicesimo direi molto istintivo. Non sentivamo la partecipazione alla Messa domenicale come un obbligo o un pegno da pagare, ma come un momento di festa e di gioia. Ricordo dei sacerdoti straordinari che erano i nostri assistenti spirituali. Il loro non era tanto un cristianesimo dogmatico, quanto un insistere sui valori fondamentali del Vangelo. Ci insegnavano a vivere quei valori nella concretezza della nostra vita di ragazzi: la correttezza nei rapporti, l’attenzione ai bisogni dell’altro, la non violenza, il perdono. Tutte cose che da allora ho cercato, a volte con fatica ma sempre in maniera convinta, di trasferire nella mia vita di adulto».

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo