Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 19 maggio 2024
 
dossier
 

Dobbiamo convertirci tutti per vincere il “peccato ecologico”

01/09/2021  Non basta invocare pene più aspre: vanno formate le coscienze alla responsabilità per la casa comune. L'intervento di don Bruno Bignami, direttore dell’Ufficio nazionale per i problemi sociali e il lavoro della Conferenza Episcopale Italiana

La casa comune brucia. La Terra dei roghi ci riguarda. Dopo il gravissimo incendio che ha coinvolto la Sardegna, ecco il fuoco in Sicilia e in Calabria. Dall’inizio del 2021 nel nostro Paese si contano 400 roghi che hanno distrutto 110mila ettari di terreno. L’Italia brucia. E brucia anche il mondo. Chi non ricorda le immagini giunte dall’Australia a inizio 2020? In questi giorni tocca alla Jacuzia in Siberia: è l’incendio più grande che il Pianeta abbia mai conosciuto. Non c’è limite al peggio!

I fuochi accendono una spia. Il Pianeta soffre. E l’uomo ha le sue colpe. I cambiamenti climatici creano condizioni favorevoli al sorgere di roghi. Quando un’area prende fuoco, la devastazione è totale. In qualche caso muoiono persone. Di sicuro vengono uccisi animali. Viene distrutta la biodiversità. Finiscono in cenere decenni di lavoro umano. In più, peggiora la qualità dell’aria e aumenta a dismisura la quantità di CO2 rilasciata in atmosfera.

La desertificazione dei terreni è segno di una desertificazione più profonda, che è umana e morale. Non a caso in simili occasioni si sprecano parole come «apocalisse» o «inferno». Espressioni che rendono la drammaticità degli eventi, ma che non devono nascondere le gravi responsabilità umane, se è vero che il 70% dei roghi è di origine dolosa. Talvolta protagoni sta è la criminalità organizzata. Altre volte si tratta di affari privati: quando l’economia è corrotta non c’è bene comune che tenga. In altri casi, sono l’incuria e la superficialità a generare il disastro.

Dunque, c’è un’umanità che distrugge e degrada. Siamo capaci di bruttezza e di aridità se la vita non è rinnovata dalle relazioni con Dio, con i fratelli e con il Creato. Solo nella consapevolezza del peccato ecologico e degli ecocidi di cui siamo responsabili può nascere la conversione. C’è bisogno di una nuova mentalità. Chi invoca solo controlli, multe e inasprimento delle pene (necessarie!) non ha capito che la questione è anche educativa. È in gioco la nostra dignità.

Formare le coscienze alla responsabilità per il Creato significa prenderci cura dei luoghi che abitiamo e cambiare gli stili di vita. Ogni volta che si è garantita la fiducia alle popolazioni locali che vivono delle risorse di un territorio, i risultati hanno superato le più rosee aspettative. Quando invece hanno prevalso l’anonimato e l’abbandono, la tragedia si è materializzata. Sono tutti temi che interesseranno l’imminente Settimana Sociale dei cattolici a Taranto (21-24 ottobre).

Un’estate di fuoco non deve trascorrere inutilmente. Possiamo convertire lo sguardo e l’impegno. La priorità è piantare alberi, rimboschire. Senza trascurare, però, la sete di vita che sale dalle persone colpite da queste tragedie: paesi, abitazioni, imprese agricole, attività umane… L’arsura di solidarietà e di futuro va presa sul serio. Mentre spegniamo i roghi, proviamo ad accendere la speranza.

Multimedia
Francesco: «Prendiamo decisioni coraggiose per salvare la nostra Terra»
Correlati
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo