Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 15 giugno 2024
 
I lettori ci scrivono
 

Brutto Paese quello dove si muore di stenti

17/07/2015  Una società che abbandona chi è più sfortunato, dove l'unico metro del successo è il denaro e la popolarità. Da una parte chi è ricco, forse troppo, e dall'altro che muore nella solitudine e nell'indifferenza.

Una piccola notizia, all’apparenza senza importanza: «Verona, muore di stenti nell’auto che era diventata casa sua: sessantenne ritrovato da un passante. Viveva nella macchina abbandonata sotto al condominio in cui abitava un tempo: Luigi, detto “Toni”, aveva perso il suo lavoro di idraulico e poi la casa. Era molto conosciuto e in tanti lo aiutavano. Raccolta fondi per garantirgli un funerale». Una brutta società, la nostra, dove c’è gente troppo ricca, spudoratamente ricca, e gente che muore di stenti. Ma io non credo che “Toni”, l’idraulico senza lavoro, sia morto di stenti ad appena sessant’anni. Credo che se ne sia andato di malinconia, crepacuore e tristezza infinita. Questa nostra spietata società ti abbandona se perdi il lavoro, ti toglie la casa se sei disoccupato, ti priva della dignità e ti fa desiderare la morte. Mi chiedo: la gente spudoratamente ricca, e i nostri politici dai tanti privilegi, sempre baldanzosi, proveranno qualche rimorso, almeno lieve?

VERONICA T.

Purtroppo, il caso di “Toni” non è isolato. Una fascia sempre più ampia di persone si ritrova ai margini della società, come uno scarto, per lo più dopo aver perso il lavoro. E assieme a esso anche la dignità, per l’impossibilità di non poter più provvedere a sé stessi e alla propria famiglia. Serve a poco commuoversi quando si apprende della morte di chi non ha resistito ai disagi e agli stenti della vita. Né basta raccogliere i soldi per garantire almeno il funerale a chi è stato privato di tutto. I poveri non sono invisibili, possiamo intervenire prima dell’irreparabile. Papa Francesco ci dà esempi quotidiani delle attenzioni e dell’amore che ha nei loro confronti. Li tratta da “privilegiati”, ai quali dare i primi posti, come ci insegna il Vangelo. In loro c’è il volto di Gesù, anche se facciamo fatica a scorgerlo e ad agire di conseguenza. Una società poco solidale non ha futuro, prima o poi implode. Va colmato, invece, il fossato che si allarga tra i poveri, sempre più numerosi, e i ricchi nelle cui mani si concentrano quasi tutte le ricchezze. È una questione di giustizia e coesione sociale. «Nessuno è nato con maggiori diritti degli altri», come ci ricorda l’ultima enciclica di papa Francesco.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo