Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
venerdì 19 aprile 2024
 
dossier
 

Bullismo, fra i giovanissimi più della metà vittima di qualche episodio

08/04/2016  Uno studio Istat riferito al 2014 mette in evidenza come il fenomeno del bullismo riguardi in Italia soprattutto i giovanissimi (11-17enni). Oltre il 50% degli 11-17enni ha subìto qualche episodio offensivo, non rispettoso e/o violento da parte di altri ragazzi o ragazze. Le vittime di soprusi raggiungono oltre il 57% dei giovanissimi del Nord del Paese. Coloro che vivono in famiglie numerose e frequentano molti amici subiscono meno violenza. Tra i ragazzi utilizzatori di cellulare e/o Internet, il 5,9% denuncia di avere subìto ripetutamente azioni vessatorie tramite sms, e-mail, chat o sui social network. Soprattutto i maschi ritengono che infliggere una “lezione” sia una strategia di contrasto alla violenza subita utile.

Uno studio che non sorprende chi da anni si occupa e studia il fenomeno del bullismo e i comportamenti degli adolescenti e dei giovanissimi. La professoressa Silvia Vegetti Finzi, autrice del recentissimo volume edito da Rizzoli, Una bambina senza stella, non è sorpresa dallo studio Istat e sottolinea l’importanza di «ripartire dai luoghi di socializzazione quali oratori e scuole come antidoto al bullismo».

«Un fenomeno», continua Finzi, «in cui i ragazzi e le ragazze si sentono troppo spesso impuniti e deresponsabilizzati. Bisognerebbe aprire le scuole con un orario più ampio per offrire un luogo di socialità ai ragazzi sia delle grandi città che di provincia. Gli oratori dovrebbero essere rivalutati e sostenuti quale unico luogo di aggregazione alternativo alla scuola. Quando i ragazzi si affidano alla realtà virtuale e perché la vita reale offre poche opportunità di accoglienza».

Dal rapporto Istat emergono alcuni dati che descrivono anche come è mutato il fenomeno nel corso degli anni, come si è intensificato, le differenze che esistono tra il Nord e il Sud del Paese e come emergano prepotentemente nuove forme di violenza legate al cyber bullismo.

Due 11-17enni su dieci hanno subìto atti di bullismo una o più volte al mese

Più del 50% degli intervistati 11-17enni ha dichiarato di essere rimasto vittima di un qualche episodio offensivo, non rispettoso e/o violento. Una percentuale significativa, pari al 19,8%, dichiara di aver subìto azioni tipiche di bullismo una o più volte al mese. Per quasi la metà di questi (9,1%), si tratta di una ripetizione degli atti decisamente asfissiante, una o più volte a settimana.
Le relazioni tra gli 11-17enni non sempre sono facili, condivise e amichevoli. E’ il cosiddetto fenomeno del bullismo, individuabile in un’interazione tra coetanei caratterizzata da un comportamento fortemente aggressivo.

Nell’ambito dell’indagine emerge che le prepotenze, vere e proprie “azioni vessatorie”, messe in atto tra ragazzi/adolescenti, vanno dalle offese alla derisione, dalle minacce alle aggressioni con spintoni, calci e pugni fino al danneggiamento e alla sottrazione di cose di proprietà.

Il fenomeno del bullismo è in continua evoluzione, così come il modo di comunicare; le nuove tecnologie a disposizione, Internet o telefono cellulare, sono inevitabilmente ulteriori potenziali mezzi attraverso cui compiere e subire prepotenze o soprusi.

Le differenze sono sostanziali a livello territoriale. Le azioni vessatorie sono più frequenti nel Nord del Paese, dove le vittime di atti di bullismo rappresentano il 23% degli 11-17enni. Considerando anche le azioni avvenute sporadicamente, oltre il 57% dei residenti al Nord ha subìto qualche prepotenza nel corso dell’anno precedente l’intervista, contro una quota inferiore al 50% dei residenti nelle regioni centrali e in quelle meridionali.

Le ragazze 11-17enni più spesso vittime di “cyber bullismo”

Le nuove tecnologie dell'informazione e della comunicazione tra ragazzi e adolescenti sono economicamente accessibili e molto diffuse. Quella attuale è, infatti, la prima generazione di adolescenti cresciuta in una società in cui l’essere connessi rappresenta un dato di fatto, un’esperienza connaturata alla quotidianità: nel 2014, l’83% dei ragazzi tra 11 e 17 anni di età utilizza internet con un telefono cellulare e il 57% naviga nel web.

In particolare, i maggiori fruitori di tecnologia sono gli adolescenti 14-17enni, i quali utilizzano giornalmente o qualche volta a settimana il telefono cellulare nel 92,6% dei casi (contro il 67,8% degli 11-13enni), nel 50,5% il personal computer e nel 69% Internet (contro il 27,4% e il 39,4% dei più piccoli di 11-13 anni).

Il cyber bullismo è un fenomeno che consiste nell'invio di messaggi offensivi, insulti o di foto umilianti tramite sms, e-mail, diffuse in chat o sui social network, per molestare una persona per un periodo più o meno lungo.

La dimensione temporale ha un ruolo meno rilevante. Infatti, anche una sola offesa divulgata a molte persone attraverso Internet o telefoni cellulari può arrecare danno alla vittima, potendo raggiungere una molteplicità di persone contemporaneamente ed essere rimbalzata dall’uno all’altro ipoteticamente all’infinito, ampliando notevolmente la gravità e la natura dell’attacco.

Non è inconsueto che i ragazzi e gli adolescenti che hanno dichiarato di aver subìto ripetutamente azioni offensive attraverso i nuovi canali comunicativi siano anche vittime di comportamenti offensivi non attuati attraverso tali tecnologie. Ben l’88% di quanti hanno lamentato continui comportamenti scorretti “on line” ha dichiarato di aver subìto altrettante vessazioni anche in altri contesti del vivere quotidiano.

Parolacce, offese e prese in giro gli atti di bullismo più diffusi

Tra le molteplici azioni attraverso cui il bullismo si manifesta, quella più comune è l'uso di espressioni offensive: il 12,1% delle vittime dichiara di essere stato ripetutamente offeso con soprannomi offensivi, parolacce o insulti; il 6,3% lamenta offese legate all’aspetto fisico e/o al modo di parlare.

Non mancano le violenze fisiche: il 3,8% degli 11-17enni è stato colpito con spintoni, botte, calci e pugni da parte di altri ragazzi/adolescenti.

Anche relativamente all’età si riscontrano importanti differenze. La quota più elevata di vittime di atti bullismo si registra tra gli 11enni (25,8%): il 22,8% dichiara di essere rimasto vittima di una qualche forma di prepotenze esercitate in forma diretta e il 14% di azioni violente indirette. Nel complesso, al crescere dell’età si riduce progressivamente la quota di quanti denunciano di aver subìto vessazioni e/o prepotenze più volte al mese: si passa dal 25,8% degli 11enni, al 19% dei 13enni, fino al 17,6% riscontrato tra i 17enni.

Più “vittime” tra chi frequenta poco gli amici

Il fenomeno del bullismo va analizzato tenendo anche conto dei diversi contesti socio-educativi in cui i ragazzi si muovono. L’ambito familiare di appartenenza, il rapporto con il gruppo dei pari e il percorso scolastico intrapreso rappresentano elementi rilevanti del vivere quotidiano che incidono sui comportamenti e il modo di relazionarsi dei giovanissimi.

Il 12,2% di quanti, tra gli 11-17enni, vivono in famiglie poco numerose (meno di quattro persone) dichiara di aver ricevuto prepotenze, con cadenza più che settimanale (contro il 7,8% dei 11-17enni delle famiglie più numerose).

I ragazzi/adolescenti che vivono in contesti familiari dove non sono presenti fratelli hanno subìto una forma di prepotenza in misura maggiore di quanti hanno due o più fratelli: rispettivamente il 57% contro il 51%; con una ripetitività degli atti che mentre nel primo collettivo riguarda il 21,3%, nel secondo supera di poco il 17%.

Nelle situazioni di difficoltà possono essere d’aiuto anche gli amici. I giovani che si incontrano raramente con amici sono più spesso vittime di comportamenti offensivi e/o violenti. Il 23,6% degli 11-17enni che vede raramente gli amici è rimasto vittima di prepotenze una o più volte al mese, contro il 18% riscontrato tra chi incontra gli amici quotidianamente.

Anche guardando al tipo e al livello di formazione scolastica, è possibile distinguere particolari ambiti dove le azioni di bullismo sono più ricorrenti. Le quote di vittime sono più alte tra i ragazzi 11-13enni che frequentano la scuola secondaria di primo grado; oltre il 22% del collettivo dichiara di aver subìto prepotenze più volte al mese. I liceali si mantengono di poco sotto la media in merito alle azioni ripetute di bullismo (19,4%), ma solo nel 45,5% dei casi dichiarano di non essere mai stati oggetto di comportamenti vessatori.

Al Nord 2 ragazzi su 3 hanno assistito a episodi di prepotenza tra ragazzi

La presenza di testimoni che assistono a episodi di prepotenza è un elemento essenziale per comprendere meglio non solo la dimensione del fenomeno ma anche i contesti in cui le condotte aggressive si manifestano.

Il 63,3% dei ragazzi e adolescenti è stato testimone di prepotenze almeno una volta, il 26,7% dichiara di aver assistito, una o più volte al mese, a comportamenti vessatori di alcuni ragazzi verso altri. 
Testimoni di condotte aggressive sono soprattutto gli 11-17enni residenti nel Nord del Paese, che dichiarano in 2 casi su 3 di aver visto azioni violente. Inoltre, nel Nord il 30,3% ha assistito a comportamenti vessatori messi in atto contro coetanei una o più volte al mese. 

Per la maggioranza dei ragazzi la migliore strategia è rivolgersi ai genitori

Un aspetto molto importante per comprendere quali strategie i ragazzi ritengono migliori per difendersi da eventuali attacchi, riguarda l’analisi delle reazioni delle vittime di prepotenze.

Di fronte a una situazione di bullismo, la maggioranza, soprattutto le ragazze, ritiene che confidandosi con le persone “più vicine” sia possibile definire meglio la reazione e/o il comportamento da tenere. Infatti, il 65% (60,4% dei maschi e 69,9% delle femmine) ritiene sia una strategia positiva rivolgersi ai genitori per chiedere aiuto, il 41% (37,4% dei maschi e 44,8% delle femmine) ritiene opportuno rivolgersi agli insegnanti.

Elevate anche le quote di chi ritiene utile confidarsi con amici (42,8%) o con fratelli e sorelle (30%). 
Un numero relativamente importante di ragazzi suggerisce il ricorso all’indifferenza come strumento di difesa: il 43,7% ritiene sia meglio cercare di evitare la situazione, il 29% che occorra lasciar perdere facendo finta di nulla e il 25,3% di provare a riderci sopra.

E’ invece relativamente contenuto il numero di quanti pensano che bisogna cavarsela da soli (16,8%). Non mancano, anche se in numero decisamente più contenuto, quanti pensano che sarebbe opportuno reagire con una ritorsione verso il/i prepotente/i (7,1% personalmente, 5% chiedendo aiuto ad amici e 1,3% chiedendo aiuto a fratelli o sorelle). Soprattutto i maschi ritengono che infliggere una “lezione” sia una strategia di contrasto utile (9,2% personalmente, 7% con l’aiuto di amici, 2% con l’aiuto di fratelli o sorelle).


 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo