logo san paolo
sabato 22 gennaio 2022
 
dossier
 

Burundi, retroscena di una crisi anunciata

17/05/2015  Il tentato colpo di Stato dei giorni scorsi è l’ultimo atto di proteste e repressioni che crescono da mesi. Ora si parla di posticipo delle elezioni (fissate per il 26 giugno). Mentre nel Paese la tensione continua a rimanere alta. Ecco come si è arrivata al caos.

Nuvole nere passano sul Burundi. La decisione del 25 aprile scorso del presidente Pierre Nkurunziza di presentare di nuovo la sua candidatura alle elezioni presidenziali fissate per il 26 giugno nelle settimane scorse ha fatto esplodere proteste e disordini nel Paese per una scelta ritenuta incostituzionale (Nkurunziza sarebbe al suo terzo mandato mentre la Costituzione pone un limite di due).

Le proteste avvengono per lo più nei sobborghi della capitale, Bujumbura, e i violenti scontri con la polizia, che spara ad altezza d’uomo, hanno provocato finora almeno 10 morti, decine di feriti e oltre 600 arresti. Stati Uniti, Unione europea e diversi Paesi della regione hanno invitato il presidente a ritirare la candidatura mentre i principali partiti di opposizione hanno annunciato che non parteciperanno alle elezioni se Nkurunziza non desisterà.

Arresti della polizia nel corso delle manifestazioni in Burundi, nelle scorse settimane. In copertina: una delle manifestazioni nella capitale Bujumbura.
Arresti della polizia nel corso delle manifestazioni in Burundi, nelle scorse settimane. In copertina: una delle manifestazioni nella capitale Bujumbura.

L’uomo è forte del parere favorevole della Corte Costituzionale sulla legittimità della sua candidatura, ma il vicepresidente dell’organismo, Sylvère Nimpagaritse, ha denunciato le pressioni del governo sui giudici e, prima della sentenza, è fuggito all’estero per non cedere al sopruso.

Non è solo la questione del terzo mandato, tuttavia, a scatenare le proteste della popolazione. Sull’attuale presidente e sul suo governo piovono accuse di violazioni di diritti umani, di pesanti limitazioni della libertà di stampa, di corruzione dilagante e di esecuzioni extra giudiziarie di oppositori politici.

E in quest’ultimo periodo Nkurunziza sta dimostrando di essere disposto a tutto pur di conservare il potere. Liste di proscrizione, arresti illegittimi, la chiusura di Radio Publique Africaine e di altre emittenti critiche nei confronti del suo governo, repressione violenta dei manifestanti. Quel che è peggio, sta facendo leva sulle divisioni etniche fra la maggioranza hutu e la minoranza tutsi che, nel passato, hanno provocato centinaia di migliaia di morti e che, negli ultimi tempi sembravano superate.

Il Presidente Pierre Nkurunziza.
Il Presidente Pierre Nkurunziza.

La popolazione in fuga, la capitale paralizzata

  

Centomila persone hanno lasciato il Paese e le scuole, gli uffici e le banche hanno limitato i servizi per timore delle violenze e della repressione in atto. La situazione è sempre più instabile e in molti invocano l’intervento della comunità internazionale perché faccia pressione sul governo per una transizione politica democratica.

Sul piccolo, bellissimo Paese africano incombe lo spettro di una tragedia simile a quella che si è verificò nel 1993 quando un golpe e i successivi massacri provocarono almeno 150 mila vittime. Era l’anno prima del genocidio nel confinante Ruanda.

È di questi giorni l’iniziativa di alcune Ong che hanno lanciato un appello alla stampa per rompere il silenzio su quanto sta accadendo in Burundi
www.ccm-italia.org/ita/comunicazione/news/evidenza/vocealburundi

#VoceAlBurundi

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo