Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 23 giugno 2024
 
 

Calabria, i vescovi: denunciate i mafiosi

09/04/2014  «Con l'eco nel cuore del recente appello di Papa Francesco ricordiamo a tutti i calabresi un duplice ineludibile dovere: quello del "coraggio della denuncia" e quello della "fuga da ogni omertà"».

«Con l'eco nel cuore del recente appello di Papa Francesco ricordiamo a tutti i calabresi un duplice ineludibile dovere: quello del "coraggio della denuncia" e quello della "fuga da ogni omertà"». È quanto si afferma, in materia di contrasto alla 'ndrangheta, in un documento della Conferenza episcopale calabra. «I vescovi calabresi - prosegue il documento - ribadiscono, anzitutto, l'inderogabile importanza di un "cammino educativo" che coinvolga i ragazzi fin dai primi anni della loro vita, incentrato sulla frontiera della "'legalità"», indispensabile per una crescita autenticamente umana, oltre che civile e sociale della nostra terra e della vera libertà.

In tale contesto, i Vescovi richiamano l'impegno, ormai quarantennale, delle Chiese di Calabria su questo tema decisivo e scottante. Risale infatti al lontano 1975 il "punto di svolta" delle Chiese di Calabria nella condanna al crimine organizzato. Dopo di allora e fino ad oggi sempre i Vescovi calabresi, sia singolarmente, sia collegialmente, hanno, da una parte, rinnovato la condanna più dura, non solo contro i delitti e gli attentati, ma anche contro lo stile delle organizzazioni malavitose nel rapportarsi con le istituzioni e la gente comune; e, dall'altra, hanno lanciato, con ancora più forza, l'invito straziante e paterno alla conversione dei cuori».

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo