logo san paolo
lunedì 15 agosto 2022
 
 

Pallone folle: più calci che calcio

11/01/2012  Aggressioni a calciatori e presidenti, sputi, insulti, macabre messe in scena. Ma il calcio italiano può vivere solo della bella storia di Farina?

Il bollettino di guerra del calcio italiano ha registrato in tre giorni sette brutti episodi contro un episodio bello, quello di Simone Farina, giocatore del Gubbio, santificato per il suo apporto alle indagini nel caso delle scommesse, con il rifiuto a lasciarsi corrompere e la denuncia dei rei.


     Farina è stato invitato a Zurigo, per la cerimonia della consegna del Pallone d'Oro al suo collega Messi, oltre che dal presidente del calcio europeo Michel Platini, dal presidente del calcio mondiale, lo svizzero Joseph Blatter, grande esperto di maneggi messi in atto anche all'interno del suo ente. Sette a uno, punteggio tennistico a pro del male, in un tie-break senza storia. Con una certezza: che i punti “cattivi” aumenteranno.

     Riassumendo: quattro aggressioni di tifosi verso calciatori e dirigenti (pugni per il presidente della Triestina, sputi per i giocatori della Sampdoria, assalto di incappucciati per i giocatori dell'Ebolitana, minacce e mani addosso ai calciatori del Livorno); una durissima aggressione orale e scritta a Borriello, da poco acquistato da quella Juventus che lui aveva rifiutato un anno e mezzo fa, insultato da uno striscione infamante dei tifosi bianconeri a Lecce, sotto minaccia di bis a Torino dove fra l'altro la tifoseria juventina fa rissa interna perché si spezza in due, chi con lui chi contro di lui; alcuni tifosi della Fiorentina che si offrono in rete per una foto macabra e squallida in cui formano la scritta “Gobbi -39”, a ricordare il numero dei tifosi della Juventus morti nella tragedia dell'Heysel; il caso di De Sanctis, portiere del Napoli, il quale accoglie male, gesti ed espressione, il gol del 4 a 1 segnato dal suo compagno di squadra Cavani al Lecce (subito i sospetti, visto che le scommesse ormai vertono più sui punteggi che sugli esiti delle partite).

     Sei episodi sono incontrovertibili, mentre De Sanctis viene proclamato da chi lo conosce semplicemente un tarantolato dalle vicende della partita, con atteggiamenti assurdi nati dalla sua tensione e non da altro. Intanto non solo si temono di ora in ora nuovi annunci di violenze, ma anche si rileggono fatti di pochissimo tempo fa, e si indaga sulla loro “qualità”. Pare che la Lega Pro del Centro-Sud si possa rivelare una miniera di cosacce se chi sa parla, chi ha visto ricorda, chi ha documentato si palesa col suo documento.

     La crisi del nostro Governo sembra in questi giorni impegnare gli onorevoli al di là del rituale, tipico in questi casi, delle interrogazioni parlamentari spesso demagogiche. E non è un male. Altra violenza di tipo diciamo classico, omicidi e rapine, Roma e non solo Roma, sembra ridurre, nel confronto, la portata della violenza calcistica. Ma se pensiamo che questa stessa violenza calcistica si esplica nel settore dello sport, dove dovrebbero imperare lealtà, onestà, rispetto, educazione convivente con la passione, il collage di questi giorni diventa una cosa bruttissima, gravissima, tristissima. Sotto accusa gli ultrà, anzi le fazioni di ultrà che magari si fronteggiano con le stesse sciarpe, nella stessa curva, ognuna rivendicando a sé l'amore di più preziosa e alta caratura. 

      Mancano comunque indizi certi, studi accurati protratti nel tempo: gli stessi tuttologhi “prezzemoli” esitano a dire la loro. E nel buio dell'ignoranza colpevole affiora la lucina (livida) di una tesi che infondo rappresenterebbe una vaga ipotesi di identificazione delle cause, del problema: e se i tifosi più caldi, intervenendo pesantemente e anche volgarmente sui giocatori e dirigenti, volessero riprendersi il calcio che la televisione sta portando loro via, riducendo con vari provvedimenti ostativi l'accesso alla sacralità dello stadio/tempio, favorendo minicurve sul divano di casa?

     Insomma, un deplorevolissimo orribile eccesso di amore, ma almeno non la violenza fine a se stessa o, peggio ancora, ispirata e comandata da chi sa e vuole criminalmente sfruttare del calcio, e dello sport, l'amore trasformandolo (pare facile o almeno non difficile, lo dice tanta storia del mondo) in odio? Per chiudere però con un punto esclamativo, segnaliamo Fabio Pisacane, della Ternana. L'anno scorso giocava nel Lumezzane e denunciò un tentativo di corruzione per truccare un incontro con il Ravenna. Bisognava dirlo a Blatter, avrebbe chiamato alla festa di Zurigo anche lui!

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo