logo san paolo
mercoledì 29 giugno 2022
 
 

Champions, incroci pericolosi

18/03/2011  Strada spianata per l'Inter, scontro fratricida tra le inglesi, prospettive di scontro diretto per Barcellona e Real Madrid. E per la fortuna di Leonardo...

Dicono che all’Inter sia andata bene: nei quarti di finale (5-6 e 12-13 aprile) della Champions League le toccherà lo Shalke 04, squadra tedesca attualmente di bassa classifica (il tecnico Magath ha di recente perso il posto), dove lo spagnolo Raul, ex stellissima del Real Madrid, segna molti gol ma non sembra, da solo, poter bastare per la cosiddetta impresa.

Lo Shalke è la squadra della città di Gelsenkirchen: all’Inter, che giocherà l’andata in casa, a suo tempo toccò di dover “decriptare” un’altra squadra tedesca di una città con il nome da tabellone di ottico: Moenchengladbach, sede di un Borussia (l’altro è di Dortmund) e posto di una lattina di birra che colpì il nerazzurro Boninsegna e a tavolino evitò alla squadra italiana un’umiliante eliminazione...


Inglesi e spagnole contro

Si diche che l’allenatore Leonardo in nerazzurro batte addirittura, quanto a fortuna, il suo predecessore Mourinho. Non siamo d’accordo: ormai a questo livello di valori e soprattutto di usura stagionale è piccolo il gap fra squadre dai lombi magnanimi e squadre di modesto proletariato. Naturalmente il Chelsea di Londra, che ha avuto in sorte il Manchester United e/o il Manchester United che ha avuto in sorte il Chelsea, per una sfida “spaventosa” all’interno del calcio inglese, stanno sulla carta peggio assai dell’Inter, che passando il turno incontrerà una delle due in semifinale (26-27 aprile). Da ricordare, per chi ama i ricorsi, che nello scorso torneo l’Inter arrivò alla finale vinta sui tedeschi  del Bayern Monaco sconfiggendo il Chelsea nei quarti e il “facile” Cska di Mosca in semifinale (quest’anno finale a Londra, Wembley, il 28 maggio).

Casomai la fortuna dell’Inter e di Leonardo è da considerare e da invidiare guardando l’altra metà del tabellone di marcia della competizione, dove il Barcellona incontrerà lo Shaktar di Donetzk, squadra ucraina che ha umiliato la Roma e che gioca un calcio abbastanza elementare, verticalizzatissimo, che potrebbe addirittura dar luogo, nel confronto con il calcio orizzontale, parente stretto del calcetto, dei catalani, a qualcosa di buffo e dunque di pericoloso per i teoricamente più forti.

Intanto il Real Madrid di (toh) Mourinho dovrà battere  il Tottenham,  squadra londinese di seconda fascia in campionato, capace comunque di far fuori il Milan. Poi, se dovessero qualificarsi, le due spagnole si scontreranno fra di loro, una sfida per l’Europa dopo tante sfide interne per gli allori spagnoli, una partita che verrebbe definita “el superclasico”, visto che “el clasico” vale per il calcio iberico.



Lo scandalo europeo della Roma


Non sappiamo a questo punto dire se maggior fortuna sarebbe per l’Inter non avere il Barcellona che ultimamente ha vinto sin troppo, quasi annoiandosi, e che però l’anno scorso la stessa Inter ha piegato, o il Real Madrid tornato dopo sei umilianti stagioni europee a disputare i quarti di Champions League. Per il giornalismo sportivo italiano meglio, si capisce, Mourinho che Guardiola, nel senso di allenatori da sfidare, titillare, irritare, sfruttare.

Fortuna dell’Inter sì, ma sottoposta a esiti speciali e condizionamenti pesanti per rivelarsi facilmente in tutto il suo splendore. E fortuna da trattare con i guanti. Le dichiarazione/confessione di Riccardo Viola, figlio di Dino presidente di una Roma da scudetto e da finale di Coppa dei Campioni, possono handicappare il calcio italiano e di riflesso l’Inter che lo rappresenta. Un reato commesso e prescritto, che risale al 1984, è stato raccontato nei dettagli: 100 milioni di lire dal club giallorosso all’arbitro francese Vautrot per ottenere i suoi favori decisivi nell’impresa di far fuori nella Champions League di allora gli scozzesi del Dundee (per i giallorossi 0 a 2 lassù ma poi 3 a 0 in casa) possono oggi significare sospetto, avversione, sdegno nei riguardi del nostro calcio e delle sue brutte abitudini.


Anche l’arbitro più capace e onesto e intanto sorvegliato del mondo potrebbe risentire dell’impegno diciamo etico a non favorire comunque gli italiani, neppure fischiando con la massima buona fede sciorinabile. La rivelazione ha vanificato, per quello che poteva essere un nostro vantaggio, gli effetti della polemica – cominciata col pissi-pisi bao-bao e finita presto - fra Barcellona e Real Madrid su un antidoping morbido con il calcio o meglio i celebri calciatori della capitale di Spagna.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo