logo san paolo
martedì 28 giugno 2022
 
Post Terremoto
 

Camerino, rinasce la Basilica di San Venanzio

03/12/2019  A presiedere il rito, domenica 15 dicembre, alle 17, è il Nunzio apostolico in Italia, monsignor Emil Paul Tscherrig. Si tratta – come ha detto l’arcivescovo, monsignor Francesco Massara - di un importante segno di rinascita per tutto il territorio.

Gioia e attesa per la riapertura, a Camerino, della Basilica di San Venanzio dopo i danni causati dal terremoto di tre anni fa. Era l’agosto del 2016. La Basilica, che porta il nome del protettore della diocesi è una delle più grandi chiese del cratere del terremoto e la più grande di tutta la diocesi. A presiedere il rito, domenica 15 dicembre, alle 17, è il Nunzio apostolico in Italia, monsignor Emil Paul Tscherrig. Si tratta – come ha detto l’arcivescovo, monsignor Francesco Massara - di un importante segno di rinascita per tutto il territorio.

La città e i suoi abitanti, hanno ricevuto, lo scorso 16 giugno, la visita di Papa Francesco. “Sono venuto oggi per starvi vicino; sono qui a pregare con voi Dio che si ricorda di noi, perché nessuno si scordi di chi è in difficoltà”, ha detto loro il Papa che con il caschetto bianco ha visitato i luoghi colpiti dal sisma e si è fermato in Basilica per un momento di preghiera.

Il Pontefice, in quell’occasione, ha pregato “il Dio Vicino, perché susciti gesti concreti di prossimità” e ha fatto appello per la ricostruzione: “Sono passati quasi tre anni e il rischio è che, dopo il primo coinvolgimento emotivo e mediatico, l’attenzione cali e le promesse vadano a finire nel dimenticatoio, aumentando la frustrazione di chi vede il territorio spopolarsi sempre di più”. “Il Signore invece “spinge a ricordare, riparare, ricostruire, e a farlo insieme, senza mai dimenticare chi soffre”.

La Basilica di San Venanzio, a Camerino, in provincia di Macerata. Foto don Luigi, per gentile concessione.
La Basilica di San Venanzio, a Camerino, in provincia di Macerata. Foto don Luigi, per gentile concessione.

La riapertura della chiesa, si legge sul sito della diocesi, è stata possibile grazie alla solidarietà di un privato che ha finanziato i lavori, la Fondazione Arvedi Buschini di Cremona: “ancora una volta, come accaduto per diverse scuole del cratere, ad emergere sono i tempi brevi di un’opera resa possibile grazie alle donazioni, rispetto a quelli troppo lunghi per le strutture finanziate dalla ricostruzione pubblica”. I lavori sono infatti iniziati a marzo scorso.  “Malgrado le promesse mancate, si rinasce se si lavora insieme, spiega il vescovo Massara sottolineando che il sogno più grande degli abitanti della diocesi è quello di poter ritornare nelle proprie case.

Nei giorni scorsi il presule ha incontrato il presidente del Consiglio Giuseppe Conte: “ho portato all’attenzione del presidente del Consiglio la necessità di sostenere un tessuto socio-economico messo in ginocchio dal sisma”, ha detto mons. Massara evidenziando che case e chiese senza attività produttive si “riducono a musei vuoti, a edifici senza vita”. La Basilica di San Venanzio “torna a risplendere di nuova luce” dopo le “macerie che hanno “provato a seppellire”. I lavori sono stati seguiti dal parroco della basilica, don Marco Gentilucci che si dice soddisfatto mentre dal punto di vista tecnico a spiegare il lavoro fatto è l’ing. Piergiuseppe Moretti: “E’ stato fatto il rinforzo delle murature portanti all’interno, con delle reti di carbonio, poi la ricostituzione di tutti gli intonaci con quello che era il disegno originario”.



 

 

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo