logo san paolo
mercoledì 25 maggio 2022
 
 
Benessere

Camila Raznovich: «In onda anche con la febbre alta» Che energia!

01/03/2016  La nota conduttrice televisiva racconta come ha vissuto le sue due gravidanze e spiega come fa a non ingrassare troppo. Ha il padre ebreo e la mamma cattolica, un bel mix che le ha regalato una formazione religiosa profonda.

«Ho lavorato Fiœno all’ultimo mese in entrambe le gravidanze ma la verità è che sono stata fortunata perché ho avuto due percorsi facili». Questa è la confessione di Camila Raznovich ai nostri lettori. «Non credo che sia un merito stare bene fiœsicamente durante i nove mesi ma solo fortuna, per cui non mi sento di criticare chi, invece, si imbatte in importanti problemi fiœsici che impongono lo stare a letto o, comunque, lo stare a riguardo». Una dichiarazione contro tendenza quella della conduttrice con cui dismette subito i panni della super eroina. «Nel mio caso tutte e due le fiœglie non volevano uscire. La prima è arrivata con parto naturale dopo dieci giorni la scadenza prevista, mentre Sole era trasversa per cui ho dovuto fare un parto cesareo. Le acque non mi si sono mai rotte». Due storie di vita e di felicità a lieto fiœne quelle che racconta la Raznovich. Storie dove il sacrifiœcio è stato solo per tutelare le sue fiœglie. «Non mi sono imposta nessuna dieta né alcun divieto. Se ho preso solo tredici chili a gravidanza è perché ho messo l’interesse delle mie bambine sopra a tutto e mi sono comportata di conseguenza anche nell’alimentazione».
Cioè? «Per esempio, non avendo avuto la toxoplasmosi, mi sono ben guardata dal mangiare cibi crudi». Il risultato è che Camila è diventata «un po’ più morbida» in quegli anni per poi ritrovare gradualmente e deœfinitivamente la sua forma œfisica. «Devo ammettere che, avendo avuto la seconda œfiglia a 37 anni, in quella circostanza ho impiegato un po’ più di tempo a rimettere il fiœsico in carreggiata, ma non sono una modella e mi piaccio così come sono per cui sono pienamente a mio agio nella mia taglia 40 abbondante». Anche l’allattamento ha giocato un ruolo importante in questa faccenda. «Ho allattato in entrambi casi e si sa che farlo non aiuta a perdere peso, anche perché ti viene più fame dopo che sei stata svuotata».
Si percepisce già da questo racconto l’armonia con cui il volto storico di Mtv viva la salute. Lo dimostra anche la sua posizione nella dicotomia tra medicina tradizionale e medicina alternativa. «Credo che siano molto valide entrambe. Semplicemente cambia il piano in cui le uso. Sul lungo termine sono per la medicina alternativa che, attraverso vitamine e non solo, mi protegge e mi rigenera. Sarebbe però stupido non usare la medicina tradizionale quando la malattia è al suo apice e i tempi sono stretti». E così un mal di testa viene curato dall’artista lombarda con un caffè e molta acqua ma una febbre fortissima a poche ore da una diretta è contrastata in modo diverso. «Mi ricordo che l’anno scorso avevo la febbre molto alta prima di entrare in studio per il Kilimangiaro. Non ci ho pensato su due volte. Mi sono imbottita con tre Tachipirine 1000 e sono andata a fare la puntata ». Un certo tipo di medicina «ha più forza e rapidità nel sedare il sintomo». La salute è un concetto, però, ben più ampio dell’avere o meno la temperatura corporea alterata. È un qualcosa che passa anche dall’alimentazione. «Lo so bene e anche in questo sono molto fortunata. Sono stata abituata a mangiare verdure fiœn da piccola e, per cultura mia, considero la colazione il pasto più importante della giornata».
Una colazione all’inglese? «Sì, soprattutto quando non devo correre per lavoro. Se non ho fretta, infatti, mi piace avere in tavola il pane col burro e marmellata, i cereali e le uova. Magari poi la sera non ceno, se non con un tè o uno yogurt, ma una mattina così a me piace tanto». Anche il rapporto che Camila ha con la carne è œfiglio dell’educazione che ha ricevuto. «Sono stata vegetariana per i primi 12 anni della mia vita, perché i miei genitori volevano così. Poi è arrivata dall’Argentina mia nonna e, ovviamente, è comparsa la carne rossa nel mio piatto». Un feeling quello con la carne, però, mai nato veramente. «Non è una pietanza che mi fa impazzire, tanto che, quando sono andata a vivere da sola a diciotto anni, ne ho di nuovo gradualmente diminuito il consumo».
Come tutti, anche la Raznovich ha il suo tallone d’Achille. «Mi piacciono molto i dolci. Difficilmente so dire di no a un tiramisù o a una Sacher. Ora che ci sono le bambine, cucino molte crostate e biscotti». Tempo denso quello della padrona di casa dello storico programma Alle falde del Kilimangiaro. «Tempo a cui non sottraggo mai l’attività œfisica. Due volte la settimana, verso le 8.30 di mattina, vado in palestra ai classici corsi da signora. Altre due volte, invece, mi dedico alla mia passione che è lo yoga».
Camila ha un passato da ballerina classica in tenera età, ma la sua dimensione sportiva ideale l’ha trovata in questa antica disciplina indiana. «Ho vissuto a Londra, New York, Milano e ora a Roma e ovunque sono stata ho trovato un luogo in cui praticare lo yoga». Se le diff‰erenze culturali anche in questo esistono, «a Roma, per esempio, ci trovi soprattutto persone anziane», il minimo comun denominatore è la spiritualità. «Ed è questo il motivo per cui ne sono molto attratta. Io sono una donna estremamente spirituale». Il tempo per dialogare con se stessa l’ex conduttrice di Tatami lo trova in un momento insospettabile, «ho imparato a viaggiare dentro di me mentre viaggio nel mondo. Per lavoro sono spesso in giro e sono sola. Anche senza essere in un luogo sacro o di culto, a me basta mettermi la musica in cuffia e chiudere gli occhi». Cresciuta in India con un padre di religione ebraica e una madre cattolica, Camila ha le sue idee sui valori da trasmettere alle fiœglie.
«Credo fortissimamente nella libertà e questo signifiœca anche lasciare libere le mie bambine di crescere in una comunità cattolica come quella italiana in cui trovano importante fare il presepe. Se vietassi una cosa simile solo perché io sono confusa, farei un torto». Alle sue “ragazze”, la showgirl passerà di certo anche il valore dell’amicizia. «Dopo l’amore che ho per loro, è la cosa che ritengo più importante nella vita. Ho amici e amiche sparsi in tutto il mondo».

Scopri BenEssere, la rivista che pensa alla tua salute dell'anima

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo