logo san paolo
domenica 27 settembre 2020
 
DOMENICA
 

La Chiesa ricorda Camillo il santo dei malati

23/05/2014  Nacque in Abruzzo il 25 maggio 1550. Prima di convertirsi e diventare un gigante della carità, visse anni randagi e dissoluti. Fondò l'Ordine dei chierici regolari ministri degli infermi, noti con un nome indissolubilmente legato al suo: Camilliani. Morì il 14 luglio 1614. Domenica 25 un convegno ne ricorda (e attualizza) il carisma.

Si ricorda la nascita di san Camillo de Lellis (avvenuta nel 1550 a Bucchianico, in Abruzzo, in provincia di Chieti), e il sacrificio dei “martiri della carità”: circa 300 fra sacerdoti, fratelli, chierici, novizi e oblati che, dalla nascita dell’Ordine ad oggi, hanno onorato fino alla morte il quarto voto di assistenza gli ammalati. Il 25 maggio è una data importante per il mondo camilliano.

Quest'anno, i festeggiamenti assumono una solennità particolare alla luce del quarto centenario della morte di San Camillo (il 14 luglio 1614).  Per rendere ancor più  feconda la ricorrenza, il 25 maggio, a Roma, si svolge un convegno patrocinato dall’Ufficio nazionale per la pastorale della salute della Conferenza episcopale italiana: la concelebrazione eucaristica è presieduta dal Segretario generale della Cei, monsignor Nunzio Galantino. Al convegno – che ha come tema “Camillo, un santo precursore dell’assistenza sanitaria in Italia” –  partecipano il vicario generale dei Camilliani, padre Paolo Guarise, il direttore dell’Ufficio nazionale per la pastorale della salute della Cei, don Carmine Arice, e l’onorevole  Maria Pia Garavaglia, già ministro della Sanità. L’incontro viene  moderato dal giornalista e vicedirettore di Rai2 Luciano Onder.

E' l'occasione per riproporre una figura molto interessante. Esistono, infatti, un prima e dopo. Prima di diventare il santo dei malati, Camillo de Lellis (1550-1614) condusse una vita randagia e dissoluta.  Nato da un ufficiale di nobile famiglia al servizio dell'imperatore Carlo V, e da una madre già avanti nell'età (era sessantenne quando lo diede alla luce; morì tredici anni dopo) nel 1568 Camillo si arruolò con il padre nell'esercito della repubblica di Venezia in lotta contro i turchi, ma ben presto rimase orfano anche di padre. Privo di risorse, fu costretto a causa di un'ulcera varicosa al piede, cercare, come infermiere, delle cure gratuite all'ospedale di San Giacomo degli Incurabili a Roma. Dopo un mese, però, da quel posto fu allontanato a causa della sua passione per il gioco.

Camillo, semi-analfabeta, ma di buon cuore, fisicamente era un gigante, alto quasi due metri.  Per vivere, dovette mendicare finché non trovò lavoro, nell'autunno del 1574, come manovale nella costruzione del convento dei Cappuccini di Manfredonia (Foggia). Alla fine, la conversione. Il 2 febbraio 1575 Camillo decise di abbracciare la vita cappuccina; lui, discendente da famiglia nobile, avrebbe atteso ai più umili uffici della comunità. Ottenne di vestire l'abito, ma dopo qualche mese l'ulcera varicosa si riaprì. Dovette così ritornare a San Giacomo degli Incurabili dove maturò la sua vocazione. Rifiutato per lo stesso motivo, una seconda volta, dai Cappuccini, Camillo decise di consacrarsi come infermiere al servizio dei malati sotto la direziono di S. Filippo Neri (+1595), l'apostolo di Roma.

Dal momento che il personale infermieristico era, in genere, reclutato tra gente rozza e incapace, fin dal 1582 egli pensò di riunire in un'associazione dei compagni che, come lui, si fossero dedicati completamente alla cura dei malati. Un primo tentativo fallì per l'incomprensione dei direttori dell'ospedale. Camillo si convinse allora che era necessaria una famiglia religiosa indipendente. Per raggiungere lo scopo era necessario che egli, a trentadue anni, si rimettesse sui banchi della scuola, frequentasse al Collegio Romano i corsi di S. Roberto Bellarmino e di Francesco Suarez, pur continuando a visitare e a curare i malati. Nel 1584 Camillo poté celebrare la sua prima Messa.  Fondò l'Ordine dei chierici regolari ministri degli infermi, noti con un nome indissolubilmente legato al suo: Camilliani. Morì il 14 luglio 1614.

 

I vostri commenti
5
scrivi

Stai visualizzando  dei 5 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%