Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 27 maggio 2024
 
 

Campane e campanelle al momento della consacrazione

22/12/2022  Durante la santa Messa, al momento della Consacrazione del pane e del vino, è previsto il suono delle campane o del campanello?

Vorrei chiedere se al momento della consacrazione del pane e del vino sia previsto il suono delle campane e non del campanello. - PAOLA

 

La storia delle campane e quella del campanello nella Messa sono più unite di quanto comunemente si pensi. L’uso delle campane per chiamare i fedeli è certamente più antico (VI secolo). Quello del campanello nella Messa risale al XIII secolo. Uso che si impose quando la lingua latina non più compresa dalla maggioranza del popolo e la conseguente privatizzazione della Messa da parte del sacerdote avevano reso difficile ai fedeli individuare a quale punto si trovasse la celebrazione. Si trattò pertanto di richiamare l’attenzione dei fedeli soprattutto al momento della consacrazione e ostensione del pane e del vino. Più tardi anche al Sanctus e all’imposizione delle mani per segnalare l’approssimarsi del momento centrale. In un contesto di cristianità, a cominciare dal XIV secolo, si pensò di segnalare anche agli assenti questo momento con il suono delle campane per esortarli a uno spazio di preghiera privata. Oggi in una città secolarizzata questo suono non è più previsto da alcuna norma e rischia di perdersi fra tanti altri rumori. Comunque non è certo il suono delle campane che distrae i fedeli dall’attenzione a quel mistero che rende sacramentalmente presente il Risorto durante tutta la Messa e in modo sommo nei segni del pane e del vino.

Tag:
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo