logo san paolo
lunedì 04 luglio 2022
 
dossier
 

L'orrore della Siria sgomenta Cannes

16/05/2014  Un durissimo e scioccante documentario denuncia le inaudite violenze della guerra civile. Riuscirà il festival laddove l'Onu e il mondo hanno fallito: fermare il sanguinario regime di Hassad?

Cinematograficamente parlando, non c'è dubbio che il più bel film visto in questo primo scorcio del Festival di Cannes sia Mr. Turner del regista britannico Mike Leigh (già premiato per titoli come Segreti e bugie, Topsy-Turvy, Vera Drake): coinvolgente biografia del pittore ottocentesco William Turner, interpretata da quel grande attore, troppo spesso sottovalutato, che è Timothy Spall. Una pellicola in costume di superba fattura che racconta come sia, ieri come oggi, vivere per l'arte.

La Croisette non poteva però restare immune dai venti di crisi sociale, economica e politica che soffiano sull'Europa e la vicina Asia. Tra critici e addetti ai lavori c'è perciò molta attesa per lo sguardo sull'Irak di oggi lanciato dal regista Laurent Bécue-Renard con Des hommes et de la guerre: per la documentazione della crisi ucraina fatta in Maidan da Sergei Loznitsa e soprattutto per la narrazione della guerra di Cecenia nel 1999 (di cui così poco ancora si sa) portata sullo schermo in forma di parabola con The search da Michel Hazanavicius, il regista francese di origini lituane vincitore di Oscar e di premi in tutto il mondo con The artist (film in bianco e nero ai tempi del muto) dal quale ha ripreso la splendida attrice protagonista, Bérénice Bejo.

Intanto, violenze sui civili e abomini causati dall'integralismo religioso hanno già sparso il loro fiele sulla Croisette grazie a due titoli che non resteranno certo nella memoria per le loro qualità filmiche ma che non potranno essere dimenticati per il loro valore di testimonianza. Timbuktu, in gara per la Palma d'oro sotto la bandiera della Mauritania, rappresenta un atto di coraggio del regista Abderrahmane Sissako che ha voluto raccontare l'insensatezza quotidiana e la violenza sui più deboli provocate dall'integralismo islamico che si abbatte, improvviso e inaudito, sulla vita civile. Tutto accade a Timbuktu, città dall'antica cultura, povera eppure ricca di umanità, che si ritrova inopinatamente sotto il tallone della repressione degli invasori talebani.

E' il 2012 e nella capitale del Mali non è più permesso ridere per strada, giocare a pallone, fumare una sigaretta, bere un the o ascoltare musica. Tutto e sotto controllo, vagliato, sottomesso. A cominciare dalle donne costrette a portare in pubblico non solo il velo ma anche i guanti e i calzini. E per coloro che disobbediscono o trasgrediscono le punizioni sono tremende: mutilazioni e lapidazioni. La violenza insensata, feroce e ridicola della jihad è durata solo un anno, ma non verrà dimenticata.

Perfino più atroci le immagini e le sensazioni suscitate da Eau argentée - Autoritratto della Siria, docu-film firmato fuori concorso dal regista siriano Ossama Mohammed (esule a Parigi dal 2011 quando, avendo parlato a Cannes del dramma del suo Paese, è stato condannato a morte in contumacia) a quattro mani con Wiam Simav Bedirxan, coraggiosa ragazza siriana d'origini curde. Il risultato è tutto il contrario di un film: non c'è struttura, né sceneggiatura, tanto meno personaggi. Ma ci sono i veri protagonisti della tragedia siriana di questi ultimi due anni: centinaia di giovani e di persone comuni che hanno filmato le battaglie per strada, le repressioni dei militari del regime di Hassad, le esecuzioni sommarie, le vessazioni su donne e bambini, le stragi: tutto quello che le Tv occidentali non hanno potuto (o voluto) far vedere.

Il più crudo e scioccante reportage su che cosa significhi oggi, nel terzo millennio, ritrovarsi improvvisamente in mezzo a una guerra civile. “Ho preso una telecamera: il regime la considera l'arma più pericolosa”, dice via internet la giovane Simav al regista Ossama, che se ne sta a Parigi. “Se tu fossi qui a Homs cosa filmeresti?”. Comincia così l'irripetibile sodalizio da cui è nato questo dicumento storico. I manifestanti torturati, i bambini sfigurati, i cadaveri ammucchiati nelle strade, perfino cani e gatti mutilati dalle esplosioni: mille e uno filmati trasmessi attraverso You-Tube e montati asetticamente dal regista.

Un documentario poetico, scioccante, a volte inguardabile che ha scosso la Croisette suscitando reazioni contrastanti. Il rischio, dopo, è di sentirsi la coscienza lavata e di correre in sala a vedere un thriller o un cartoon, pur di riassaporare la voglia di vivere. D'altronde, se le grandi potenze occidentali e neppure l'Onu sono riusciti a far nulla per fermare la furia omicida del regime di Hassad, può riuscirci il Festival di Cannes?

Multimedia
Nicole Kidman e Grace Kelly, dive a confronto
Correlati
I vostri commenti
3

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo