Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 21 aprile 2024
 
dossier
 

Killers of the Flower Moon, Martin Scorsese e l’avidità crudele dei bianchi d’America

21/05/2023  Presentato fuori concorso il film più atteso sulla Croisette con Robert De Niro e Leonardo DiCaprio, zio e nipote, capaci di efferati atti criminali in un affresco che agogna la redenzione e accarezza l’amore

Gli Stati Uniti nascono dalla polvere delle strade, dal sangue. La violenza è un elemento fondativo, una piaga del presente e del passato, su cui Martin Scorsese si è sempre soffermato con sguardo lucido e mai compiaciuto. Il bene e il male, ancora una volta, domenica in chiesa e lunedì all’inferno, come recitava il sottotitolo del suo terzo film Mean Streets.

Ma non era già così in Gangs of New York? La storia è uno dei cardini della poetica di Scorsese, sempre attento all’animo umano, all’andare degli anni, alla colpa e alla redenzione.

Killers of the Flower Moon è un film lacerante, su una ferita mai sanata. È un’epopea che agogna la redenzione, accarezza l’amore, si immerge nel tradimento e sviscera una natura umana caratterizzata dall’avidità. Il rapporto è tra uomini bianchi e nativi americani, le vere vittime di questa vicenda. Relegati nelle riserve, vengono schiacciati, privati di ogni diritto da chi vuole sottrarre loro i soldi del petrolio.

Si sentono gli echi di Il Gigante di George Stevens, ci si specchia in Il Petroliere di Paul Thomas Anderson. A essere sotto scacco è sempre il modello capitalista, che si basa su brutalità e distruzione di ogni sentimento.

La rabbia e il furore sembrano piano piano scemare, in quella che è una confessione, un’ammissione dei propri errori, come nel bellissimo incipit di The Irishman. Leonardo DiCaprio presta il volto a un uomo avido, soggiogato da uno zio interpretato da Robert De Niro. Quest’ultimo spadroneggia sul territorio, mentre una serie di efferati omicidi sconvolgono la comunità. Ed è proprio qui che sorge un nuovo ordine, che si crea una frattura tra ieri e oggi. Il mito della frontiera si è ormai spento, i cappelli da cowboy sono l’immagine di un secolo al calar del sole.

Come in The Irishman, lo spirito è testamentario. Anche se si va verso il futuro, si parla sempre di un’epoca che volge al termine. Non cambia il messaggio. Sembra che ci sia una predestinazione a cui i personaggi di Scorsese non possono sottrarsi. È come in Quei bravi ragazzi dove, nel quartiere, non si poteva essere altro che criminali. In Killers of the Flower Moon la morte è il pretesto per soffermarsi sulla discriminazione, sul massacro.

Non manca però l’ironia, in un’opera monumentale, già tra i film più belli dell’anno. Un capolavoro imperfetto di tre ore e ventisei minuti, presentato in anteprima fuori concorso al Festival di Cannes.

Da solo, vale la presenza sulla Croisette quest’anno.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo