Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 20 aprile 2024
 
VATICANO
 

Cappella Sistina, la sublime bellezza ritrovata

31/10/2014  Grazie ai lavori, la struttura architettonica e le pitture saranno preservate dal tempo e dai risvolti negativi del turismo di massa. Ogni anno la Cappella Sistina richiama un pubblico eterogeneo per età, formazione e credo religioso - nel 2013 i visitatori sono stati quasi 6 milioni - vedendo aumentare popolarità e rischi per la conservazione dei capolavori.

L’aria è nuova e la luce anche. La Cappella Sistina vede finire un altro restauro, dopo quello memorabile di 20 anni fa quando vennero ripuliti dal nerofumo delle candele gli affreschi. Oggi è un’altra tappa della manutenzione infinita del “Michelangelo terribile”, come lo definì Vasari nelle sue cronache. Dopo tre anni di lavoro c’è una nuova illuminazione, progettata e costruita dalla Osram, e un nuovo impianto di climatizzazione realizzato dalla Carrier. Il costo è stato di 3 milioni di euro “regalati” alla Santa Sede dalla due aziende.

L’illuminazione è straordinaria e riesce a far vedere a chi sta con il naso all’insù particolari fino a oggi quasi invisibili. Sono stati utilizzati 7 mila led. La nuova aria della Cappella viene prodotta da un sistema di condizionatori altrettanto sofisticato. Alcune telecamere “contano” le persone dentro la Cappella e mandano le informazioni al computer che regola l’aria, la quale rimane costante tra i 20 e i 25 gradi, con umidità compresa tra 50 e 60 per cento. I condizionatori si trovano esterno e non fanno rumore.

L’ultimo restauro finisce nell’anno in cui si ricordano i 450 anni dalla morte di Michelangelo e i 20 anni dal restauro degli affreschi, sottolineato dal direttore dei Musei vaticani il professor Antonio Paolucci, e realizzato da Gianluigi Colalucci sotto la direzione di Fabrizio Mancinelli
: “Come dimenticare le furibonde polemiche che accompagnarono la grande impresa? Oggi nessuno più avanza dubbi e tutti riconoscono che si è trattato di un intervento scientificamente esemplare e tecnicamente impeccabile, probabilmente il più importante e felice del XX secolo”.

La cappella Sistina è visitata ogni anni da tantissimi turisti (sei milioni, nel 2013) e in alcuni giorni si tocca la punta di venti mila visitatori. Il vecchio impianto di condizionamento era tarato per tre milioni di visitatori. Bisognava intervenire per abbattere le polveri, ricambiare l’aria e controllare temperatura e umidità, oltre che mantenere l’anidride carbonica a livelli accettabili per evitare di rovinare i 2500 metri quadrati di affreschi. Così è stato fatto. E Paolucci spiega: “Abbiamo onorato Michelangelo nel modo migliore”.

Multimedia
La Cappella Sistina prima e dopo il restauro
Correlati
I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo