logo san paolo
mercoledì 08 dicembre 2021
 
VERSO LE ELEZIONI
 

Cari lettori, non è tutta colpa dell’euro

07/05/2014  Si va al voto per l’Europa in un clima di crescente scetticismo verso la moneta unica. Ma tornare alla lira non è una soluzione alla crisi. Perché si rischia di scambiare cause ed effetti.

E’ comprensibile che parlare di euro significhi mettere il dito in una piaga. Soprattutto sotto elezioni. L’Unione Europea, nata come progetto ideale, è proseguita andando avanti per tentativi ed errori. Uno di questi è stata la moneta unica. E’ stato come progettare  una città creando l’arteria centrale di viabilità, ma senza occuparsi poi troppo di collocarle intorno il resto, tutto quel che può dare vita a un paesaggio abitato: scuole, negozi, piazze, aiuole. Fuor di metafora: da un giorno all’altro si è fissato un tasso di cambio  per le monete nazionali (nel nostro caso forse un po’ caro, 1 euro per 1936,27 lire)  e si è pensato che bastasse. Ma non è stato così. Occorreva, anzi occorre ancora completare l’unione monetaria. Per esempio con una Banca centrale più forte (che non si occupi solo dell’inflazione e dei tassi di cambio con le altre monete) o con i cosiddetti eurobond, con cui reperire risorse utili alle economie nazionali.  L’assenza di questi “arredi” ha contribuito a rendere la nostra moneta impopolare, come si avverte dai tanti commenti giunti sul tema “uscire o no dall’euro”.

Ma se la moneta unica non basta, non è il caso di addossarle colpe che non ha. Le politiche di austerità di bilancio, quelle che tutti oggi tendiamo ad attribuire all’asse franco tedesco (all’era Merkel-Sarkozy più che a quella attuale), non sono figlie dell’euro. Fissare il tetto del 3% nel rapporto deficit/Pil  e inserire il pareggio di bilancio addirittura in Costituzione come richiesto dal fiscal compact  del 2012 è diventata una camicia di forza, ma non certo per il fatto che esiste una moneta unica, bensì perché discipline di bilancio troppo strette funzionano poco e male in fasi recessive. E’ quanto ripete da tempo un Nobel per l’economia come Joseph Stiglitz , che di recente  ha ribadito come la soluzione non sia tanto nell’uscita dall’euro ma in un allentamento dei vincoli alla spesa pubblica.  Aprirne i rubinetti avrebbe di certo un effetto balsamico per economie affaticate com’è oggi quella italiana. Escludere dal calcolo del deficit (e dunque del debito) le spese in investimenti sarebbe un’altra misura utile. In entrambi i casi l’euro non c’entra, è solo la veste con cui si denomina quel che entra ed esce.

Quel che è certo è che l’uscita dall’euro si porterebbe dietro una svalutazione. E questo a sua volta avrebbe un effetto pesante sul potere di acquisito. A pagarne il prezzo sarebbero non tanto le imprese, che compenserebbero ricorrendo alla cosiddetta “svalutazione competitiva” (a proposito, ha ragione chi ha evidenziato un lapsus calami nell’articolo originario: si pagano di più le materie prime importate e si vende meno caro quel che si esporta), quanto i lavoratori dipendenti, i cui redditi perderebbero valore nominale. Sarebbe insomma una tassa ai danni dei soliti noti, proprio quelli che nel nostro Paese le tasse le pagano per definizione, con trattenute in busta paga. Ecco perché pensiamo, in tutta onestà, che  per le nostre famiglie sarebbe un azzardo uscire dall’euro. Perché sarebbe dare una risposta sbagliata a un problema giusto, penalizzando proprio chi ha stretto la cinghia fin qui.

Infine, non si può addossare all’euro la difficoltà del nostro sistema d’impresa. Quando si dice che, a parità di professioni,  l’Italia ha salari nominali più bassi rispetto ad altri Paesi europei, si dice cosa vera, che attiene alla antica questione della competitività. Un salario è “competitivo” non solo se non perde valore d’acquisto, ma anche se non perde in assoluto. Ma i salari possono aumentare se si riesce a contenere il costo del lavoro per unità di prodotto, e se le imprese investono sui  processi produttivi e li migliorano. E sono due cose che, negli ultimi anni, in Italia sono state trascurate. Ma ancora una volta: è colpa dell’euro?  


I vostri commenti
25

Stai visualizzando  dei 25 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo