logo san paolo
venerdì 07 agosto 2020
 
l'iniziativa
 

«La solidarietà e la speranza di San Francesco per ripartire dopo questa tragedia»

08/06/2020  Presentata ad Assisi la maratona di solidarietà “Con il cuore nel nome di Francesco” in onda martedì sera su Raiuno con Gianni Morandi ospite d’onore e Carlo Conti presentatore: «Ci saranno testimonianze di questi mesi difficili ma anche un pieno di gioia per vivere il futuro dopo la pandemia che ha colpito il Paese». I fondi saranno devoluti per sostenere le mense francescane di Milano e Bologna e le famiglie e piccole imprese colpite dalla crisi

«Improvviseremo, siamo un po’ emozionati perché questo è il primo programma in diretta di Raiuno dopo i lunghi giorni del lockdown. Io ho stesso ho dovuto interrompere la Corrida all’improvviso. Ora, attraverso la solidarietà, vogliamo dare un messaggio di speranza e di sollievo agli italiani provati da questa durissima emergenza». Carlo Conti presenta così, insieme a Gianni Morandi, ospite d’onore, la maratona di solidarietà “Con il Cuore, nel nome di Francesco” dei frati del Sacro Convento di Assisi per i poveri del nostro Paese che si terrà martedì alle 20.35 in diretta su Raiuno.

Quest'anno i fondi raccolti saranno devoluti per sostenere le mense francescane in Italia (quella di Milano di Opera San Francesco e quella bolognese dell’Antoniano) e le famiglie e le imprese colpite economicamente dal coronavirus. Un’iniziativa benefica che in questo 2020 particolarmente difficile taglia il traguardo dei 18 anni e segna il ritorno alle dirette della rete ammiraglia (sia pure senza pubblico). Ci sarà un ricordo delle vittime della pandemia? «All’inizio», risponde Conti, «con un silenzio nel quale ognuno, da casa, potrà riflettere o pregare». Poi spazio alle canzoni di Morandi «che ha accettato a titolo gratuito di partecipare», specifica il presentatore.

Alla conferenza stampa di presentazione c’erano, tra gli altri: il direttore di Raiuno, Stefano Coletta, e il Custode del Sacro Convento di Assisi, padre Mauro Gambetti. L’incontro, moderato dal direttore della Sala Stampa, padre Enzo Fortunato, è stato aperto dal saluto del Vicedirettore di Raiuno, Maria Teresa Fiore, e del Direttore Generale dell’Istituto per il Credito Sportivo, Paolo D’Alessio.

Top secret la scaletta della serata, Morandi riproporrà molti suoi successi («la musica deve anche far svagare le persone»). Ovviamente, sarà una serata particolare, senza gli applausi del pubblico: «Li possiamo sostituire con Carlo», scherza Morandi, «che alla fine di ogni canzone arriva sul palco e ricorda il numero solidale, 45515, per poter donare.

«C’è davvero bisogno di sperimentare fino in fondo la riconciliazione con noi stessi e con chi ci sta intorno«, spiega padre Mauro Gambetti, Custode del Sacro Convento di Assisi, «Abbiamo pensato questa serata di solidarietà nel segno della pace, per esprimere anche la prossimità e la vicinanza di noi francescani alla gente. Noi frati in questo tempo di pandemia ci siamo chiesti tante volte cosa potessimo fare. Il pensiero è andato a chi soffriva di più, nel corpo e nell’animo. “Con il Cuore, nel nome di Francesco” quest’anno in particolare, ci riempie di gioia: può essere per noi il modo più diffusivo per rispondere a questo desiderio ed esigenza di farci prossimi e accogliere quanti sono in stato di necessità e di difficoltà».

«Dobbiamo dare un messaggio di ripartenza»

Per Carlo Conti è quasi un ritorno a casa: «Per me ormai è una serata immancabile, riempie il cuore. È importante farla, quest’anno ancora di più. Edizione particolarissima, una serata più raccolta, più francescana, per fare un’importante raccolta fondi. Per le tante persone che stanno bussando alle mense e ai conventi francescani. Noi cercheremo di trovare fondi per dare questo aiuto concreto, materiale. Gianni Morandi ci ha fatto un regalo straordinario nel dire sì a questa serata, senza pubblico, Con la sua grande musica ed energia. Una serata all’insegna della leggerezza, della gioia, della speranza di ripartire dopo questo stop. Il pubblico ci sarà, da casa, con la partecipazione, con delle testimonianze che racconteranno quello che stanno facendo. Ci collegheremo con Bologna dove c’è la mensa dell’Antoniano, con Milano e con testimonianze di racconti di come sono stati vissuti questi mesi così particolari. Ma soprattutto sarà gioia, allegria, felicità, speranza. Di una ripartenza del nostro Paese e la speranza di aiutare tante famiglie».

Gianni Morandi esorcizza il rischio maltempo: «Scende la pioggia è la canzone che abbiamo preparato per evitare temporali. Abbiamo installato una copertura, così lo spettacolo si farà comunque, ma noi speriamo che San Francesco ci faccia un regalo. Sono venuto tante volte a visitare Lui, la Basilica e poi tante volte anche solo da turista. Saremo senza pubblico dal vivo, dobbiamo farlo così in questo momento, con le nostre canzoni, dobbiamo dare un messaggio di speranza e di ripartenza. E comunque speriamo che il pubblico ci sia da casa. Siamo felici di essere qui e contribuire a questa raccolta fondi, sappiamo che i frati francescani aiutano le persone veramente in difficoltà. Poi, lo spettacolo continua, andiamo avanti e facciamo tutto quel che si può. Io mi diverto anche, ma mi impegnerò fino in fondo».

Il direttore di Raiuno Stefano Coletta ricorda il lungo stop imposto alla Tv dalla pandemia: «Il Covid ci ha fatto guardare il mondo in maniera diversa. Con Il Cuore è il rinnovamento di un concetto: di fronte a delle ferite così serie c'è bisogno di spiritualità. È simbolico riaprire stagione di Raiuno con due persone che hanno comunque una loro spiritualità: Carlo Conti e Gianni Morandi, due esseri umani che hanno un garbo che fa parte di chi ha un’anima. Dopo questa pagina la televisione cattiva e futile secondo me avrà un destino meno felice. Le persone hanno fatto il punto sulla loro esistenza. Il bellissimo scenario della Basilica di San Francesco d’Assisi, dove andremo in onda, sarà la consegna in parole e musica di una serata comunque meditativa ed elegante».

Padre Enzo Fortunato, infine, ricorda che la quarantena è stata confortata dalle parole, dai gesti e dalla preghiera incessante di papa Francesco, «ora», dice, «la ripartenza è nel segno di un altro Francesco, il Santo d’Assisi, il Poverello, e nel suo messaggio di pace e speranza».

Ecco come contribuire

  

Sarà possibile sostenere la campagna di solidarietà dei frati “Con il Cuore, nel nome di Francesco” con SMS e chiamate da rete fissa al 45515 fino al 15 luglio. Il valore della donazione sarà di 2 euro per ciascun SMS inviato da cellulare Wind Tre, TIM, Vodafone, Iliad, PosteMobile, CoopVoce, Tiscali; sarà di 5 euro al 45515 per ciascuna chiamata da rete fissa TWT, Convergenze, PosteMobile; e 5/10 euro da rete fissa TIM, Vodafone, Wind Tre, Fastweb, Tiscali. Sarà possibile anche chiamare il numero verde 800.386.386 dove si potrà ricevere l'immaginetta con la preghiera semplice di San Francesco. L'iniziativa è promossa dal Sacro Convento di Assisi e dall’Istituto per il Credito Sportivo. Alla sua realizzazione ha contribuito Poste Italiane.

Per maggiori informazioni e per sostenere i progetti visita il sito www.conilcuore.info

I vostri commenti
0
scrivi
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 92,90 - 11%
CREDERE
€ 88,40 € 0,00 - 35%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
FELTRO CREATIVO
€ 23,60 € 18,00 - 24%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
GBABY
€ 69,60 € 49,80 - 28%