logo san paolo
venerdì 07 agosto 2020
 
La recensione
 

Caro ergastolano ti scrivo, "Fine pena: ora" va teatro

22/11/2017  Sembra letteratura e invece è vero: l'ergastolano Salvatore e il giudice che l'ha condannato si scrivono da quasi trent'anni. La storia autobiografica tratta dal libro di Elvio Fassone è a teatro "tradotta" da Paolo Giordano. E funziona.

Si scrivono da quasi trent’anni e ha cominciato il giudice. Sembra la lettera di Simenon al contrario, ma non è finzione. La corrispondenza tra l’ergastolano Salvatore e il giudice Elvio Fassone esiste davvero. E ora sbarca a teatro, in Fine pena: ora – la libertà delle vite parallele, al Piccolo Teatro Grassi di Milano fino al 22 dicembre.

La scena è monotona, a tratti claustrofobica: il giudice (Sergio Leone) e Salvatore (Paolo Pierobon), Salvatore e il giudice, alternati o insieme, sempre loro. Non potrebbe essere altrimenti: c’è di mezzo un ergastolo, ma non è il Fidelio, è una storia vera, che – a dispetto del tema pesante in tutti i sensi per definizione – riesce a replicare, anche nella versione teatrale, il miracolo di tenere assieme spessore, levità e ironia. Non era facile mantenere il passo felice dell’originale del libro Fine pena: ora, in cui Elvio Fassone raccontò, per i tipi Sellerio, l’improbabile e verissima corrispondenza tra l’ergastolano Salvatore e lo stesso Fassone, il giudice che l’ha condannato al termine di un maxi-processo tesissimo alla mafia catanese, celebrato a Torino a metà anni Ottanta . Si doveva rendere il dialogo. È toccato a Paolo Giordano, per la regia di Mauro Avogadro, trasformare in un passo a due, ma nella distanza dell’epistolario, il monologo che nel libro è tutto filtrato dal punto di vista di Elvio Fassone voce narrante.

All’inizio sembra che lo spettacolo penda tutto dalla parte della vita grama di Salvatore, che il giudice quasi le soccomba: ma è solo un’illusione ottica. Mentre lo spettacolo si dipana l’apparente bianco e nero trova tutte le sfumature dell’originale e della vita: si ride anche e neppure raramente, soprattutto per merito della magistrale interpretazione di Pierobon che rende tutta la contraddizione di Salvatore, coniugando lo spessore criminale con manifestazioni di imprevedibile ingenuità. Ci si commuove, si ride e si pensa: si ragiona della vita persa dei reclusi, ma anche del dovere della giustizia di fare la sua parte nel rispetto delle regole, si ragiona del peso della condanna da entrambe le parti, del bisogno di umanità di entrambe, si ragiona della libertà, della responsabilità e dei condizionamenti sociali, della possibilità/impossibilità di crescere e cambiare, si prova empatia per entrambe le figure e man mano che si segue il filo si scopre che la questione del rendere giustizia è molto più complicata di come siamo abituati a dipingerla e a pensarla.

Unico neo, forse, ma piccolo piccolo: la posa ieratica e impostata del giudice, che non rende tutta tutta la finezza garbata del libro. Ma è vero che i mezzi espressivi sono diversi, che ognuno ha il suo passo e che, a teatro, pesano gli archetipi e le maschere. Si arriva in fondo con una sola certezza: Fine pena: ora è uno spettacolo di domande, mai di risposte date con la scure. Si arriva in fondo portando chi guarda a mettere in discussione i pregiudizi per cominciare a ragionare. Né potrebbe fare diversamente uno spettacolo che sfiora, con sensibilità e intelligenza, il tema ultimo del senso della vita.

I vostri commenti
1
scrivi

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%