logo san paolo
domenica 02 ottobre 2022
 
 

Caro Saviano, sulla cocaina sbagli

21/06/2013  L'idea dello scrittore di legalizzare il mercato delle droghe, continua a far discutere. Alla lettera aperta di don Antonio Mazzi pubblicata su Famiglia Cristiana, si aggiunge ora la riflessione di Giovanni Serpelloni, capo del Dipartimento antidroghe.

Caro Roberto Saviano, sulla proposta di legalizzare la cocaina, ti sbagli.

Dopo don Antonio Mazzi, un altro esponente autorevole della lotta alle droghe ha deciso di rivolgersi allo scrittore per contestare la sua proposta di legalizzazione come strumento di contrasto della cocaina. In Zero Zero Zero (Feltrinelli) e poi in un'intervista a Famiglia Cristiana, Saviano, seppure in maniera sofferta, sosteneva che non esistevano alternative a questa via.

In un lettera aperta pubblicata sulle pagine di Famiglia Cristiana, don Antonio Mazzi aveva espresso il suo disaccordo, mostrando come sia invece quella dell'educazione e della formazione l'unica via efficace. Concetti sui quali torna Giovanni Serpelloni, capo del Dipartimento politiche antidroga della presidenza del Consiglio dei ministri. «La legalizzazione delle sostanze stupefacenti non è mai una soluzione efficace né per ridurre i consumi di droga né per ridurre gli introiti delle mafie», scrive in questa lettera indirizzata a Famiglia Cristiana, che riportiamo integralmente in questo dossier.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo