logo san paolo
lunedì 23 maggio 2022
 
 

Volontari, e la carrozzina è solidale

01/02/2012  Un gruppo di pensionati ha dato vita al "progetto Testimone": riparano carrozzine e altri materiali sanitari e danno tutto in comodato gratuito ai più bisognosi. Un'idea di successo.

Pino, Giovanni e Luciano sono tre pensionati milanesi, di quelli talmente attivi che sono più stanchi adesso di quando lavoravano. Figli della città dal cuore grande, la città che non sta mai con le mani in mano. Dopo il pensionamento erano diventati volontari del soccorso, con l’Associazione SOS Milano. A un certo punto, hanno compiuto 70 anni senza nemmeno accorgersene, e sono dovuti scendere dalle ambulanze: così dice – giustamente – la legge. Riflessi e sangue freddo non bastano più a quell’età.

Di starsene a casa, neanche a parlarne. Così si sono inventati il progetto "Testimone": a Milano e provincia, con altri cinque amici, raccolgono carrozzine, letti da degenza, stampelle e ogni tipo di ausilio sanitario dalle persone che non ne hanno più bisogno, perché decedute o guarite. Sanificano il tutto, fanno qualche piccola riparazione (ma la regola è che tutto sia funzionante) e le danno in comodato gratuito alle persone anziane, malate o disabili, magari costrette ad aspettare per mesi la fornitura da parte dell’ASL, e che non possono permettersi di comprarle o di noleggiarle a pagamento.


Le richieste stanno esplodendo. “Abbiamo dovuto imporre che la richiesta sia fatta dal medico curante, da un’assistente sociale del Comune o da un Centro di ascolto, oppure che sia stata inoltrata la richiesta del presidio all’ASL competente”, spiega Pino. “Nel 2011 abbiamo distribuito 600 presidi, con le sole forze dei volontari”. Le attrezzature arrivano da diverse fonti: famiglie contattate attraverso i medici di base, residenze per anziani, ospedali e cliniche (“ma a volte gli ospedali ce li chiedono”, dice Pino).

Il progetto "Testimone" ormai è diventato un lavoro. Ritiri e consegne richiedono molto tempo, i mezzi sono quelli di soccorso prestati da SOS Milano, e l’unico furgone è ormai in condizioni pessime. “Spesso consegniamo nel weekend” dice Giovanni, “anche per evitare il traffico eccessivo”. Ma la soddisfazione compensa la fatica. “Soprattutto è bello poter dare alle persone che aiutiamo un momento di relazione umana, incontriamo tante solitudini che neanche ci possiamo immaginare”.

Tra tante soddisfazioni c’è anche un po’ di rabbia nel constatare quanto le istituzioni sanitarie siano indietro rispetto ai bisogni della gente meno fortunata. “Vedo molta indifferenza, mi dispiace dirlo” si lamenta Luciano, il più giovane dei tre. “Le inefficienze, i ritardi nella sanità pubblica, a volte sono frutto di piccoli egoismi, non sono fatti tecnici. Io comunque ogni sera sono contento di aver fatto anche una piccola cosa, ma nell’interesse di qualcuno più fragile”.

La richiesta e l’offerta di presidi si fa attraverso il sito Internet  www.sosmilano.it.

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo